Cerca

L'ultima gabella di Letta

Legge di Stabilità, tassati anche i Bot

La "manovrina" contiene un nuovo ritocco dell'imposta sul dossier titoli: il governo vuole far cassa sulle cedole più antiche e meno speculative

Legge di Stabilità, tassati anche i Bot

Tassa dopo tassa, la manovrina del governo Letta si delinea sempre più come stangata. Nessuno ha osato parlare esplicitamente di Bot, la più antica e meno speculativa forma di piccolo risparmio. Peccato però che la nuova legge di Stabilità andrà a prendere soldi anche da queste cedole. Il testo, come sottolinea Il Giornale, prevede anche un incremento della "imposta di bollo su comunicazioni relative a prodotti finanziari".

La storia della gabella - La tassa c'era già, ed era stata incrementata da Mario Monti con il cosiddetto salva-Italia dallo 0,1 per mille allo 0,15. Letta non ha perso l'occasione per un ulteriore ritocco: la versione definitiva della legge di Stabilità porta il prelievo allo 0,2 per mille a partire dal 2014. Di fatto, il governo ha preferito inasprire il bollo sugli investimenti piuttosto che aumentare le imposte sulle rendite finanziare di due punti, la misura inizialmente inserita nella legge (risparmiando i titoli del debito pubblico italiano).

Inclusioni ed esclusioni - Il balzello sulle comunicazioni, invece, include quasi tutte le forme di risparmio: azioni, obbligazioni, non c'è alcuna esplicita esclusione per Bot, Cct, Ctz. Le esclusioni erano state proposte nei giorni scorsi ma sono state escluse per motivi di copertura. Restano i limiti di legge già in vigore: vengono esclusi fondi pensione e sanitari. Compresi, invece, i buoni fruttiferi postali per i quali però vale una franchigia di 5mila euro. Esclusi anche in generale gli investimenti complessivi sotto ai 17.100 euro: contineranno a pagare l'imposta minima annua, pari a 34,2 euro.

Il gettito - L'aggravio del cosiddetto dossier titoli, per quel che concerne le coperture della manovra, si configura come una delle voci più pesanti. Stando al comunicato del governo (quello che risale al giorno del Consiglio dei ministri) vale 900 milioni di euro. Nella relazione tecnica la cifra è calata a 527 milioni di euro. Il punto è molto controverso: è probabile che possa essere modificato nel corso della discussione parlamentare che inizia oggi, martedì 22 ottobre. Il centrodestra, infatti, si prepara a dare battaglia sul fisco.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    24 Ottobre 2013 - 00:12

    I BOT, per essere venduti (ovvero sottoscritti dai risparmiatori) devono offrire un rendimento che il mercato accetta, altrimenti come si possono raccogliere fondi per far funzionare la macchina dello Stato?. Percio', qualsiasi imposta sui Titoli di Stato é lo Stato stesso che introita da un lato e sborsa dall'altro uguale ammontare. Le spese o le percentuali sul dossier titoli (compresi i titoli di Stato é altra cosa; é una patrimoniale). Fara' aumentare il rendimento a compensazione. Altrimenti: niente rinnovi, o nuove sottoscrizioni.E le coperture della spesa?

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    22 Ottobre 2013 - 22:10

    Non dica che lui non ha fatto nulla. Primo evasore, secondo incapace, terzo spendaccione e legislatore pro domo propria

    Report

    Rispondi

  • Magnifici

    22 Ottobre 2013 - 21:09

    VENDERE GLI STADI VENDERE I CAMPETTI DI CALCIO NEI COMUNI, BASTA NON SE NE PUO PIU , VIA VENDERE I TERRENI DELLE SPESE INUTILI

    Report

    Rispondi

  • fausta73

    22 Ottobre 2013 - 14:02

    aumentare la tassa sugli interessi perchè nuovo reddito, non tassare ogni anno gli stessi soldi. Si potrebbe passare dal 12,5% sui bot al 14/15%, per esempio o passare dal 20% al 21% sugli interessi degli altri investimenti. Ritassare ogni anno i risparmi è costituzionale? facciamo una class action!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog