Cerca

Non tornano i Conti

Manovra, Corte dei Conti: "Troppe tasse sulla casa e taglio del cuneo iniquo"

Governo Letta bocciato su tutta la linea: il taglio del cuneo esclude 25 milioni di persone, la Tasi è peggio dell'Imu e le stime sulla crescita sono gonfiate

Enrico Letta

Enrico Letta visto da Benny

Solo pochi giorni fa il premier Enrico Letta ha dichiarato urbi et orbi che il suo è stato il primo governo ad abbassare le tasse. Era evidentemente una bugia e la smentita alla sua affermazione è arrivata poco dopo con la pubblicazione delle tabelle della legge di stabilià che indicano 7,2 miliardi di nuove imposte e solo 4,2 miliardi di minori spese, quindi 3 miliardi di tasse in più.

Taglio iniquo - Ora la bocciatura della manovra è arrivata anche dalla Corte dei Conti. A proposito del tanto strombazzato taglio del cuneo fiscale di 14 euro al mese, il presidente della Corte Raffele Squitieri sostiene che si tratta di "un risultato significativo, ma che lascia sostanzialmente inalterata la posizione dell’Italia nella graduatoria europea sul peso del cuneo fiscale", quindi è quasi ininfluente. Inoltre il capo dei giudici contabili, nel corso dell'audizione sul ddl stabilità davanti alle commissioni Bilancio di Camera e Senato, ha aggiunto che il taglio del cuneo fiscale ha “un perimetro limitato” e comporta “evidenti problemi distributivi e di equità”, in quanto esclude dai benefici “oltre ai lavoratori autonomi – ha proseguito Squitieri – anche gli incapienti e i pensionati, ossia 25 milioni di soggetti che comprendono evidentemente anche le categorie in maggiori difficoltà economiche”. In sostanza il taglio predisposto da Letta e Saccomanni sarebbe inifluente, distorsivo, discriminatorio ed iniquo.

L'Istat: 10 euro in più al mese - Sul cuneo fiscale, anche l'Istat frena gli entusiasmi. Lo sconto medio derivante dalla riduzione del cuneo "è pari a 116 euro annui per   beneficiario su scala nazionale, ed è maggiore della media per i lavoratori e i collaboratori che appartengono a famiglie con redditi bassi, medio-bassi e medi", ha spiegato il presidente dell'Istat Antonio Golini in audizione al Senato. Ancora meno, dunque, dei 14 euro annunciati e che Letta aveva contestato, sostenendo che fosse una stima al ribasso. 

Tasi peggio dell'Imu - Tornando all'allarme della Corte dei Conti, c'è poi il rischio dell’aumento dell’imposizione fiscale, soprattutto “sul versante del patrimonio immobiliare” e con particolare riguardo alla “Tasi, che moltiplica il suo peso rispetto a quello incorporato nella vecchia Tares e che, lasciando ai comuni la facolta di rideterminare l'aliquota, crea il presupposto di aumenti di prelievo da parte degli enti locali con aliquota Imu inferiore al massimo previsto dalla legge".

Aspettativa di crescita esagerata - La Corte inoltre avvisa Letta e Saccomanni che ''per quel che attiene all'economia nazionale, sia ancora alta la probabilità che si realizzi un quadro meno favorevole di quello prospettato dal governo, e con scostamenti crescenti nel tempo''. In pratica il consolidamento dei conti pubblici è basato tutto su un’aspettativa di crescita nei prossimi anni che è poco realistica. Il giudizio serio e misurato dei giudici è una bocciatura della manovra del governo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bruno osti

    07 Novembre 2013 - 15:03

    da Eurostat: disoccupazione Europa a 17 12,2%; Europa a 28 11% - Italia 12,5% - Francia 11,1 e non mi sembra che ci siano attacchi alla Bastiglia. Poi ci sono Croazia 17,2% - Rep Ceka 14; Croazia 17,2 e nemmeno queste sono governate da Letta/Alfano.

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    07 Novembre 2013 - 12:12

    e cosa cambierebbe? governerebbe comunque qualcuno ch etu non hai votato

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    07 Novembre 2013 - 12:12

    povero tonto di un maldestro! Abbiamo ben visto cosa è stato capace di fare Lui, il più grande imprenditore di tutti i tempi: grandi opere? zero; detassazione? zero; due aliquote IRPEF, la massima la 33%? zero; semplificazioni? zero; sburocratizzazione? zero. Ci ha invece regalato l'IMU, l'aumento dell'IVA, i costi dell'Alitalia, i costi della Maddalena, i costi dell'Aquila: preparare i caschi, che tra poco grandinerà

    Report

    Rispondi

  • encol

    30 Ottobre 2013 - 12:12

    ha tenuto confermare la bontà della legge di stabilità definendola ancora una volta EQUA. Una trasmissione successiva a distanza di un'ora fu intervistato un analista piuttosto noto che disse con parole eleganti ma in sintesi queste : TUTTE BALLE. La ripresa se ci sarà la vedremo alla fine del 2015 e, ben inteso non sarà una ripresa automatica buona per tutti. Riflettendo ancora qualcuno mi dica, meglio se il sig. Letta in persona, come può un paese con un debito pubblico di oltre 2000Mld. risollevarsi rispettando i parametri imposti dalla UE?? Mi chiedo perchè Letta insiste nel raccontare BALLE sottraendosi dal dire a tutti gli italiani la verità. Si rende conto di ciò che sta facendo???

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog