Cerca

Profondo rosso

Tonfo a Piazza Affari dopo il "sì" al voto palese

Dopo l'apertura in territorio positivo e l'ampliarsi dei rialzi, le notizie che arrivano dalla Giunta spaventano i mercati

Piazza Affari

Nuovo crollo in Borsa

Le dense nubi nere che si addensano sulla politica coprono anche Piazza Affari. Dopo il "sì" al voto palese in Giunta elezioni al Senato, una decisione contro Silvio Berlusconi che mina la stabilità e il futuro delle larghe intese, la Borsa è precipitata in territorio negativo, con il peggior passivo tra i big europei: intorno alle tre l'indice complessivo Ftse Mib lasciava lo 0,49 per cento. L'apertura, per Piazza Affari, era stata positiva, con un progresso dello 0,46%, salito fino a 1,26 punti percentuali a metà mattina (Milano era la migliore in Euorpa dopo Libsona). La svolta in Giunta, e il suo carico di incertezza politica, ha però stravolto la giornata in Borsa: mentre gli altri listini viaggiavano vicini o sopra la parità, Milano ampliava i ribassi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • liberal1

    31 Ottobre 2013 - 06:06

    casca il governo e le borse vanno giù 2 i motivi: 1) il governo cade e non c'è più stabilità 2) il mercato ha paura di una sinistra che tassa le rendite finanziarie e nessuno investe in Italia loro potrebbero dire e chi se ne frega c'è l'economia reale l'autarchia ci isolerà in un mondo globalizzato come a cuba la fame. fino a che non torneranno le elezioni e vincerà un centro fortissimo maggioranza degli Italiani grazie a DIO dovremo pagare le decime di questi sinistri inconcludenti pieni di odio ed invidia Meditate gente Meditate.

    Report

    Rispondi

  • numetutelare

    31 Ottobre 2013 - 04:04

    Il tonfo della borsa ha un nome ed un cognome: Linda Lanzillotta la scudiera di Monti

    Report

    Rispondi

  • seve

    30 Ottobre 2013 - 15:03

    E' un paese in mano a 1.300.000 ladri ,quanti sono i politici irresponsabili e inetti.Un paese in mano alle burocrazie ,alle mafie. Questo è un paese da rifare di sana pianta. VIV L'Italia libera.

    Report

    Rispondi

blog