Cerca

La scheda

Lucrezia Reichlin, ecco chi può sostituire Saccomanni all'Economia

Suo padre Alfredo e sua madre, Luciana Castellina hanno militato per anni nel Pci. Una carriera nell'alta finanza e in Unicredit

Lucrezia Reichlin, ecco chi può sostituire Saccomanni all'Economia

A un passo dalle dimissioni. Fabrizio Saccomanni sarebbe vicino all'addio. Secondo alcune indiscrezioni il ministro "più smentito di sempre" pronto a fare un passo indietro. Così adesso si scatena il toto-ministro per via XX settembre. Questa volta sulla poltrona del Tesoro potrebbe arrivare una donna. Già perchè a quanto pare in corsa per la poltrona da ministro dell'Economia ci sarebbe Lucrezia Reichlin, figlia di Alfredo, uomo forte del Pci degli anni '60 e '70 molto vicino a Giorgio Napolitano e della "rossa" Luciana Castellina anche lei deputata del Partito Comunista. La Reichlin è stata professore ordinario e direttore, dipartimento di economia alla London Business School, poi direttore Generale alla Ricerca, Banca Centrale Europea a Francoforte. Inoltre è anche Membro del Consiglio scientifico di oltre dieci istituzioni internazionali (università e banche centrali), varie attività editoriali in riviste internazionali, membro del panel di valutazione dei progetti di ricerca in scienze sociali finanziati dalla Comunità Europea (ERC), "fellow" del Center for European Policy Research, Londra, "fellow" dell'European Economic Association. Insomma la Reichlin con questo curriculum a quanto pare potrebbe essere in pole position per sostituire Saccomanni. Ma quelle radici nel Pci di parte materna di sicuro per tanti nella maggioranza non saranno facili da digerire... 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • TOMMA

    14 Novembre 2013 - 12:12

    Non volevo offendere la categoria dei ragionieri, tutt'altro. Solo che in un'epoca in cui tutti sono laureati, plurimasterizzati, spesso pure disoccupati, apprendere che un diplomato sia potuto arrivare, dopo essere stato direttore generale della Banca d'Italia, al posto di ministro dell'Economia, se permette mi lascia perplesso. Anche perchè, da quasi settant'enne, ho passato la Comunione da un pezzo, per non capire che, i titoli, per gli "amici" si sopravvalutano e per gli altri si sottovalutano. E, non essendo io un formaggio, permetta che usi lo pseudonimo che preferisco.

    Report

    Rispondi

  • fossog

    12 Novembre 2013 - 15:03

    e lo spreco, oltre i cento miliardi annui, colpa di un esercito di politicanti Pd e Pdl che supera il Milione trecentomila unità sparse nell'INDOTTO della politica, è il macigno che ci opprime. Che cambi ministro conta poco, anche un cretino può cancellare lo spreco, gli basterebbe leggere i libri di Stella, di Giordano, di Rizzo, ecc e poi eseguire pedestremente. MA DOVREBBE ESSERE UN CRETINO (MINISTRO) NON DEL PD O DEL PDL, visto che queste bestie non si tagliano da soli le loro mangiatoie pubbliche. Ed allora la soluzione, per noi cittadini, è solo quella di cancellare tutte le bestie del Pd e del Pdl.

    Report

    Rispondi

  • hilander

    12 Novembre 2013 - 14:02

    Il cognome dice qualcosa, gira e rigira le migliori poltrone a sinistra e allora tasse tasse tasse comunque il dopo Saccomanni sarà scelto dal famoso club bil......

    Report

    Rispondi

  • giorgio

    12 Novembre 2013 - 14:02

    per mandare a casa questo governo o andare all'opposizione senza la cerchia dei traditori.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog