Cerca

Legge di stabilità

Esenzione Irpef fino a 12mila euro, ecco come cambia la busta paga

Esenzione Irpef fino a 12mila euro, ecco come cambia la busta paga

Innalzare l'area di esenzione dal pagamento dell'Irpef fino ai 12mila, liberando circa 75 euro al mese in più in busta paga per ogni lavoratore. E' il succo di due emendamenti alla Legge di Stabilità presentati da Pdl e Pd. L'ampiamento della no tax area, oggi fissata a 8mila euro  per i dipendenti e 7500 per i pensionati, avrebbe un effetto più incisivo dei 13 euro mensili in più al mese a beneficio dei lavoratori previsti in prima istanza dal governo Letta. Il costo del provvedimento, nei calcoli dei gruppi parlamentari, sarebbe di 1,8 miliardi all'anno, da reperire tramite i tagli alla spesa delle amministrazioni pubbliche e delle società controllate dalle stesse amministrazioni (che non potrebbero, si legge nel testo dell'emendamento, "effettuare spese per consumi intermedi di ammontare superiore al 70 per cento della spesa sostenuta nel 2012").

Stop all'entusiasmo - Dall'approvazione dell'emendamento verrebbero per i lavoratori circa 900 euro in più all'anno. Ma il viceministro dell'Economia Stefano Fassina, alla vigilia della discussione al Senato della Legge di Stabilità, spegne gli entusiasmi: "E' presto per parlare di intesa tra Pd e Pdl - dice l'economista democratico -. L'operazione, poi, è molto costosa e non è finalizzata soltanto ai redditi più bassi".

Il cuneo fiscale - Tra i circa 3mila emendamenti presentati alla Legge di Stabilità ce ne sono altri che riguardano il lavoro. Al taglio del cuneo fiscale si rivolge Giorgio Santini, relatore Pd in Commissione Bilancio del Senato, che propone benefici pari a 200 euro l'anno per i redditi tra i 15mila e i 20mila euro l'anno, per i quali lo Stato dovrebbe trovare coperture fino a 1,7 miliardi di euro. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • 19gig50

    13 Novembre 2013 - 13:01

    Solo se lo facessero per lavoratori dipendenti e pensionati al di sotto di quella somma. Farlo per artigiani e liberi professionisti sarebbe un errore perché sicuramente li inviterebbe ad evadere ancora di più. Ma questi inetti che formulano certe proposte hanno un cervello?

    Report

    Rispondi

  • alfredo giulio

    12 Novembre 2013 - 23:11

    Se uno guadagna 12mila non pagherebbe la tassa. Ma se guadagna 12.100 la paga e così va a prendere meno dell'altro? I primi 12mila sono esentati per tutti e si paga solo per la parte che eccede? Ma anche i Pensionati ne hanno diritto od è solo per chi lavora?

    Report

    Rispondi

  • er sola

    12 Novembre 2013 - 23:11

    Questi se non ne sparano una al giorno non sono contenti. Alcuni lavoratori, avranno dei benefici ma, la maggioranza sarà di disonesti che ne approfitterà. In questa maniera daranno un'opportunità in più a quei mascalzoni che dichiareranno un' Irpef fino a 12mila euro mentre nella realtà evaderanno molto di più. In uno stato di approfittatori e corrotti, dove i controlli sono ridicoli, come al solito, i fregati saranno sempre quelli con reddito in busta paga ed i pensionati.

    Report

    Rispondi

  • spalella

    12 Novembre 2013 - 17:05

    esentare dall'irpef i redditi fino a 12.ooo euro LORDI ? è solo un'assicurazione sulla vita per i politici che, con l'aumentare della povertà causata dalle loro truffe e dalla loro incapacità, rischiano sempre più il capestro. Non è bontà o lungimiranza, è solo paura e ben motivata anche.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog