Cerca

Pensioni e inflazione

La proposta del Pd: stangare gli assegni da 90mila euro in su

Il contributo di solidarietà del 5% è previsto oggi su quelli dai 150mila euro

La proposta del Pd: stangare gli assegni da 90mila euro in su

C'è una stangata, nella legge di stabilità, che non si vede subito. Perchè non è una tassa, non è un'imposta, non è un taglio. Si chiama invece de-indicizzazione delle pensioni rispetto all'inflazione. Tradotto, significa che la manovra presentata dal governo Letta prevede che nel prossimo triennio (2014-2016) l'ammontare delle pensioni non venga "aggiornato" tenendo conto dell'inflazione. E tradotto in soldoni, visto che le pensioni quello sono, significa una perdita reale media di circa 600 euro in tre anni per i pensionati italiani. Naturalmente, la situazione varia a seconda dell'ammontare dell'assegno mensile. Per quelli fino a tre volte il trattamento minimo (che è pari a 487 euro) l'adeguamento all'inflazione resta al 100%; per quelli fra 3 e 4 volte il minimo scende al 90%; per gli importi compresi fra  4 e 5 volte il minimo è al 75% e per quelli superiori a sei volte (cioè da 2.973 euro di pensione in su) è ridotto al 50% (ma nel 2014 viene esclusa ogni rivalutazione).

Ovvio che il tasto delle pensioni sia tra quelli investiti da emendamenti: Pd e pdl sono d'accordo nell'attenuare la deindicizzazione  per le pensioni tra 4 e 6 volte il minimo (ossia quelle sopra i 1.500 euro, che è la fascia più numerosa). Ma se il Pd propone di trovare le risorse facendo scattare il contributo di solidarietà (nella misura del 5%) sulle pensioni elevate già a 90mila euro l'anno anzichè  a 150mila come attualmente previsto, il rafforzamento del contributo di solidarietà non convince il Pdl.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • babbone

    12 Novembre 2013 - 17:05

    A questi maledetti del popolo Italiano nonglienefreganiente, basta che vada a votare, poi ci pensano loro. Manosboccodesangue mai èèèèè.

    Report

    Rispondi

  • cav.uff.

    12 Novembre 2013 - 16:04

    diciamo le cose chiaramente come stanno : tutti quelli che propongono questi tagli e tutti quelli che li voteranno sono semplicemente dei ladri che per mantenere i loro assurdi privilegi rubano a tutti quelli che la pensione se la sono guadagnata lavorando seriamente e pagando tutti i contributi per decenni!

    Report

    Rispondi

  • samuel80

    12 Novembre 2013 - 16:04

    me la sono guadagnata a suon di contributi per 40 anni, a differenza di chi, con somma protervia, osa decurtarmela. Ladro, ladro e ancora ladro.

    Report

    Rispondi

  • xmagister

    12 Novembre 2013 - 15:03

    Varrà anche per gli onorevoli e i Magistrati o si inventeranno qualche deroga per incostituzionalità o amenità del genere? E i cumuli pensionistici?

    Report

    Rispondi

blog