Cerca

Dietro la legge di stabilità

Manovra, sette tasse dalla casa alle pensioni. E l'incubo stangata su benzina e acconti

Dalla Iuc alla coda dell'Imu, dagli investimenti all'estero alle slot machine: balzelli più o meno nuovi. E la Cgia di Mestre lancia l'allarme...

Enrico Letta

Enrico Letta visto da Benny

Sette tasse, tra vecchie, nuove e riverniciate di fresco. E altre potrebbero venire, secondo l'allarme lanciato dalla Cgia di Mestre sulla legge di stabilità da poco licenziata dal governo Letta. Il guaio è sempre lo stesso: la coperta è corta, e se da una parte si è tolto in qualche modo da un'altra tornerà, magari con beffa. E' il caso per esempio dell'Imu, famigerata tassa sulla casa sostituita dalla Iuc per il 2014 (e che colpirà anche gli inquilini in affitto per i servizi indivisibili) ma che regalerà l'ultimo colpo di coda con 2.700 Comuni che all'inizio del prossimo anno chiederanno la tranche conclusiva. La legge di stabilità prevede poi un nuovo prelievo "di solidarietà" sulle pensioni superiori ai 90mila euro (il 6%, e il 18% a partire dai 193mila euro) e un adeguamento al costo della vita concesso solo fino ai 3.000 euro d'assegno. Nuove tasse, o tasse inasprite: l'imposta sulle attività finanziarie possedute all'estero salirà dall'1,5 al 2 per mille. Il disperato tentativo del governo di racimolare fondi ha portato anche al compromesso sul Preu, il prelievo erariale unico sul gioco, che sale dal 13,5 al 14% sulle slot machine. La stangata vera e propria arriverà sulle sigarette elettroniche, la cui tassa passerà al 58,5%, anche se ufficialmente manca ancora la firma al decreto ministeriale. 

La Cgia: "Le tasse saliranno ancora" - Ma su tutto grava l'incognita delle cosiddette clausole di salvaguardia. Secondo la Cgia di Mestre "è a rischio la copertura della prima rata dell'Imu" e la conseguenza sarebbe "un ulteriore aumento del carico fiscale per le imprese e i cittadini". "Se entro oggi l'Erario non avrà incassato 925 milioni di euro di maggiori entrate Iva versate dalle imprese a seguito dell’impegno della Pubblica amministrazione a pagare 7,2 miliardi di euro di debiti scaduti e altri 600 milioni dalla sanatoria rivolta ai concessionari dei giochi, il decreto che ha cancellato la prima rata dell’Imu sull'abitazione principale farà scattare la cosiddetta clausola di salvaguardia". Risultato: aumenti degli acconti Ires e Irap per 2013 e 2014 e delle accise dal 2015. Quindi, rischiamo di spendere di più per benzinagas, energia elettrica e bevande alcoliche. Come dire: tassa sul consumo, nemmeno tanto mascherata.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • carlozani

    01 Dicembre 2013 - 14:02

    E' nel Dna mettere tasse e ancora tasse ai cittadini mentre i politici continuana a sprecare a loro vantaggio.Tassare gli italiani è semplice e si incassa subito.Dicono che pagheremo di meno quando nella realtà è il contrario.Oltre a Letta anche la Camusso rivuole l'Imu.Per il PD la proprietà privata è una cosa abominevole e quindi va colpita. C.Z.

    Report

    Rispondi

  • sparviero

    01 Dicembre 2013 - 13:01

    "Non sarà il governo delle tasse" Peggio di Monti! Letta, dimettiti, tanto nonostante le tue balle questo governo è destinato a finire molto presto.

    Report

    Rispondi

  • highlander5649

    01 Dicembre 2013 - 10:10

    da parte dei contribuenti PREOCCUPATI DI fare il loro dovere fiscale! altro ceh! prevedo code moscovite dcome nella ex urss CON VOLTI DISTESI , SORRIDENTI TUTTI FELICI di essere stati inc. ..ti per l'ennesima volta , specie tra i simpatizzandi di pd e sel, IN ITALIA non vi sono savane non ci sono leoni, ma solo CONIGLI E POLLI! mai che si parli di SCIPERO FISCALE AD OLTRANZA: le tre sigle sindacali che indicono scioperi a ogni bava di vento che soffia contrario in questo caso tutti muti quando occorre urlqare il disappunto a 150 decibel! l'italia è un paese in COME IRREVERSIBILE.. CI VUOLE L'EUTANASIA!

    Report

    Rispondi

  • thorglobal

    01 Dicembre 2013 - 10:10

    Sono proprietario in un paesino di tre fondi piccoli,vuoti dal 1980.Pago l'ICI da quando è entrato in vigore.Per chi? Ma certo,per mantenere una massa di scalda-seggiole.La cosa importante è che i politici e similari si mantengano ricche prebende alla faccia degli imbecilli.Capisco la bramosia di potere dei catto-comunisti,ma anche il centro-destra ........Andate tutti a fare il bagno al polo-nord.Vi rinfrescherete le idee.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog