Cerca

La guida

Affitti, le imposte erodono il 70% del canone

Affitti, le imposte erodono il 70% del canone

Nel caos che si è creato in queste ore sull'Imu  (sulla seconda rata della tassa sulla casa che in alcuni Comuni dovrà essere versata entro il 16 gennaio), si inseriscono anche i dubbi dei proprietati di casa: conviene ancora affittare? Come scrive il Sole 24 ore in edicola oggi, lunedì 2 dicembre, il peso delle imposte può erodere fino al 70% del canone per i proprietari di seconde case date in affitto. Ma anche il prelievo sugli immobili sfitti nei grandi centri è superiore ai 900 euro e può arrivare anche ai 2mila euro l'anno. A queste conclusione è giunto il quotidiano di Confindustria incrociando i dati del mercato immobiliare i valori dell'Imu 2013 e l'incidenza della cedolare secca o della tassazione ordinaria. I proprietari sono schiacciati da un parte dalla crisi economica che ha sgonfiato i canoni di locazione, dall'altro l'Imu ha quasi raddoppiato il conto delle imposte sulla proprietà rispetto all'Ici 2011. I più danneggiati sono coloro che possiedono cose con una rendita elevata rispetto al valore di mercato: case accatastate in categoria A/" costruite dagli anni Otatanta in poi o sistuate in quartieri periferici o in città di provincia dove la crisi del mercato ha colpito più duro. 

L'esempio - Il Sole 24 Ore fa l'esempio di un bilocale in zona Crocetta a Torino affittato a canone libero di 450 euro al mese, il proprietario dovrà pagare più di 2900 euro tra Imu e cedolare secca o addirittura 3900 euro se resta alla tassazione ordinaria (che comprende l'Irpef ad aliquota marginale, le addizionali comunali e regionali, l'imposta di registro e di bollo). In sostanza il Fisco si prende da 54% al 72,5% del canone. Questo - osserva il quotidiano - sempre che l'inquilino sia preciso nei pagamento perché in caso di morosità il tax rate si alza ancora di più. Se il famoso bilocale in via Crocetta a Torino dovesse essere sfitto la tassazione arriverebbe fino ai duemila euro e difficilmente scende sotto i 900 nei centri maggiori.  Questa tassazione elevata ha inevitabilmente delle ripercussioni sul mercato degli affitti. Come fa notare Corrado Sforza Fogliani, presidente di Confedilizia "Per starda vediamo molti cartelli Affittasi-vendesi questo vuol dire che un proprietario vuole semplicmente liberarsi di un immobile e molti appartamenti restano sfitti perché avrebbero bisogno di lavori che il proprietario non si azzarda di fare. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • arix

    16 Dicembre 2013 - 10:10

    No,MALEDETTA SECONDA CASA.............costruita purtroppo con molti sacrifici, rinunciando a ristoranti,viaggi ed altro! E alcuni si PERMETTONO pure di affermare che è giusto pagare (si tratta di cittadini che trovano giusto pagare..ma sulla pelle degli altri!)! E se costoro trovano giusto pagare IMU,Tares,addizionale regionale,comunale,21% su canone....... perchè non acquistano (se hanno due stipendi) una seconda casa? Così si rendono conto di quale piacere si prova ad avere oggi una seconda casa,che è al limite di un vero ESPROPRIO!E magari i PREDATORI lo facessero:ci libereremmo di una zavorra ai piedi! P.s.Chiedo alle varie ASSOCIAZIONI di Categoria:è possibile chiedere di apporre dei SIGILLI alla seconda casa in modo da evitare tutti i balzelli espropriativi!

    Report

    Rispondi

  • libero

    15 Dicembre 2013 - 10:10

    concordo con te quando dici "tutti sapevano" tanto piu' che il centrodestra assieme alla lega,che sono stati essi stessi i fautori di queste ed altre gabelle e della costruzione di uno stato e di un fisco di polizia nazi comunista,hanno anche la spudoratezza di blaterare nel coro delle vergini,pensando di ricrearsi una nuova verginita'verso il proprio elettorato gabbato,mazziato e di fatto preso in giro ancora una volta.

    Report

    Rispondi

  • libero

    15 Dicembre 2013 - 10:10

    come tanti anche tu parli a vanvera: vieni nella mia citta' e ti potrei portare in tante altre dove i locali sfitti,compresi locali commerciali sono vuoti perche' non esiste richiesta d'affitto altro che lasciati vuoti volontariamente.Ti rinfresco la memoria che su questi locali sfitti,si pagano comumque tasse esorbitanti,spese condominiali e riscaldamento e se chi occupa i locali non paga l'affitto,il proprietario deve pagare le tasse come se il canone gli sia pagato ugualmente,inoltre,ma forse non te ne sei accorto,perche' se tutte le agenzie immobiliari sono tappezzate da cartelli di vendesi o affittasi,non credi che il mercato sia morto?Quindi prima di proporre stupidaggini,metti in moto il cervello e guardati intorno e vedrai ma solo nella tua mente, frotte di gente assiepata all'ingresso delle suddette agenzie col fremito dell'acquisto o dell'affitto.

    Report

    Rispondi

  • alfredo giulio

    14 Dicembre 2013 - 22:10

    Non tutti sanno che, grazie a Monti & C, se una famiglia di 4 persone, o 3, ha la disgrazia di ereditare le case di uno o peggio, di entrambi i genitori è rovinato. Oltre alle tasse varie, deve pagare la Tares su tutte le case come se le occupasse tutte ed in base allo Stato di famiglia. Oltre all'IMU su seconde e terze case. Se poi volesse affittarle deve avere i soldi per mettere a Norma tutti gli impianti e far fare il Certificato energetico, il tutto pagando i Professionisti. Ci manca qualche lavoro di manutenzione ad essere fortunati e magari le Spese Condominiali. A questo punto potrebbe affittarle, ma deve stare attento a non chiedere troppo, altrimenti non trova chi potrebbe pagare cifre troppo alte. Poi trovi l'inquilino che, per disgrazia o per delinquenza, non ti paga e ti distrugge la casa ed anche se non incassi devi pagare le tasse ugualmente. A questo punto sei un morto di fame e devi svendere, trovando.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog