Cerca

La stangata di Natale

Tares, una mazzata da 305 euro a famiglia

Tares, una mazzata da 305 euro a famiglia

La spazzatura è sempre più cara. E quest'anno si "mangerà" buona parte delle tredicesime degli italiani. La scadenza è il 16 dicembre: una stangata da 305 euro per famiglia. Secondo la Uil, ci sarà un aumento del 35,4% rispetto alla vecchia Tarsu. Due i motivi per cui la tassa è cresciuta così notevolmente. Il primo è che da quest'anno la Tares copre anche il costo per lo smaltimento dei riufiuti cosa che in passato non accadeva e che farà aumentare la spesa per i cittadini dove il servizio non è efficiente. L'altra causa che determina l'aumento sono i 30 centesimi a metro quadro dovuto per i servizi indivisibili come illuminazione, strade e sicurezza (ma questo è solo un assaggio di quello che arriverà il prossimo anno con l'esordio della Tasi anche lei destinata a finanziare i servizi indivisibili). Nelle casse dello Stato arriveranno circa 10 miliardi di euro, 2,3 in più rispetto allo scorso anno. Ecco le tariffe città per città. 

 

Le tariffe   In 89 città capoluogo nel 2013 la  Tares aumenterà: solo in una città tra quelle monitorate, Varese, ha  diminuito la tassa del 2,9%. E’ quanto emerge da un’indagine fatta  dalla Uil - Servizio Politiche Territoriali, che ha riguardato i   capoluoghi di provincia.   Analizzando i dati degli aumenti percentuali più alti, rispetto  al 2012, spiccano i dati di Pescara (+140,9%); Trapani (+121,6%);   Reggio Calabria (+121,1%); Cagliari (+113,9%); Catanzaro (+106,2%). Se  si analizzano i dati degli aumenti più alti in euro, rispetto al 2012  colpisce il dato di Reggio Calabria con un aumento medio, rispetto   allo scorso anno, di 291 euro; seguono Cagliari con 276 euro; Trapani   con 276 euro; Grosseto con 244 euro; Nuoro con 214 euro.  A Napoli la Tares quest’anno peserà mediamente 485 euro, con un aumento del   13,3% rispetto al 2012 (57 euro); a Perugia si pagheranno 354 euro   medi (+21,1%, 62 euro); a Milano 348 euro (+37,5%, 95 euro); a Venezia  347 euro (+6,7%, 22 euro); a Roma 335 euro (+7,7%, 24 euro), dovuto   solo per la parte dei 30 centesimi al mq.; a Torino 332 euro, con un   aumento del 54,4% (117 euro); a Genova 321 euro (+49,9%, 107 euro); a   Palermo 315 euro (+49,9%, 105 euro); a Bari 302 euro (+20,1%, 51   euro).

I commercianti - Gli importi da pagare entro il 16 dicembre non saranno così alti perché il 16 dicembre si salda quanto anticipato con le rate precedenti. Ma si passerà alla cassa in media per altri 140 euro. Per i commercianti sarà una vera e propia mazzata proprio perché la tassa si ispira al principio "più produci più paghi". Una pizzeria o un ristorante a Milano vede schizzare la tassa dei rifiuti ai 3321 euro dello scorso anno ai 5374 di quest'anno: oltre duemila euro in più. 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • osicran2

    15 Dicembre 2013 - 16:04

    Leggendo i giornali, temevo per questa nuova imposta, poi (ieri!!) ho ricevuto l'avviso di pagamento ed ho pagato on line. L'importo non era quello sbandierato per cui legittimamente ho pensato che qualche volta sui giornali si fa purtroppo del "terrorismo" che non contribuisce, certo, a rasserenare l'ambiente.

    Report

    Rispondi

  • palllino

    15 Dicembre 2013 - 15:03

    Sei un mentecatto

    Report

    Rispondi

  • GIORGIOPEIRE@GMAIL.COM

    GIORGIOPEIRE

    15 Dicembre 2013 - 11:11

    Aumentate dobbiamo pagare i viaggi alla boldrini, con tutta la sua truppa. Siete degli incompetenti, saccenti ed arroganti. Fate schifo.

    Report

    Rispondi

  • libero

    15 Dicembre 2013 - 10:10

    perche' tutte le amministrazioni locali spendono senza responsabilita';ogni nuova amministrazione assume i suoi compari e l'organico da pagare e' sempre piu' folto,promozioni ai gradi superiori sono sempre maggiori e equamente ripartite tra gli "assistiti" delle forze politiche,tanto che i generali sono quasi piu' dei soldati semplici.Non si chiama forse cio':voto di scambio? Se po aggiungiamo che le amministrazioni locali oltre ad inventarsi nuove gabelle hanno ottenuto un piu'vasto potere impositivo e le deroghe ad aumentare a loro aliquote,il nostro futuro di contribuenti vessati e rapinati sara' una conseguenza sempre peggiore di cio'poiche' nessun amministratore e' sottoposto alla responsabilita' civile e penale per avere speso troppo a meno che i soldi non li abbia intascati personalmente,ma le vie per aggirare sono infinite e lor signori ci dicono che la democrazia costa,ma solo per noi che paghiamo ed allora,se questa e' la democrazia,preferisco farne a meno.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog