Cerca

Grane in casa De Benedetti

A "Repubblica" preferiscono licenziare i colleghi che ridursi la paga

Carlo De Benedetti

Carlo De Benedetti

I giornalisti di Repubblica preferiscono prepensionare i colleghi piuttosto che tagliarsi lo stipendio. È questo l’esito di un referendum promosso dal consiglio di redazione della testata svoltosi ieri. Sul tavolo, due opzioni: 59 prepensionamenti da un lato, contratti di solidarietà (lavoraremenoore conunostipendio ridotto) dall’altro. Il punto di partenza: un esubero inizialmente dichiarato dall’azienda di 81 giornalisti ex articolo 1 del contratto di lavoro giornalistico per la gestione non traumatica degli stessi: tale esubero si sarebbe tradotto nel ricorso al contratto di solidarietà per un numero convenzionale di esuberi pari a 67 giornalisti. Secondo quanto riferiva ieri l’agenzia Agi, i favorevoli all’ipotesi della solidarietà, sono stati 182, mentre quelli favorevoli ai prepensionamenti secchi, sono stati 219. Le schede nulle sono state 4, le bianche 10; votanti 415. Tutto ha inizio il 25 settembre scorso, quando l’azienda avvia la procedura di consultazione sindacale per la richiesta dello stato di crisi. In seguito le parti si sono incontrate più volte per un approfondimentoeunconfronto sulpianodi riorganizzazione proposto dall’azienda, nel quale, come detto, era individuato un esubero di 81 giornalisti. 

Alla fine sono emerse due ipotesi di accordo alternative che azienda, direzione e Cdr hanno condiviso dopo un «lungo e leale» negoziato (così si legge inun documentoufficiale) e che rappresentano «per ognuna delle tre parti e d’intesa tra loro, gli unici e non modificabili percorsi per addivenire aun accordo definitivo relativamente agli strumenti e alle modalità di gestione degli esuberi». E quindi, su un piatto i contratti di solidarietà sull’altro i prepensionamenti secchi: 59 giornalisti rispetto agli 81 in origine fissati dall’azienda. Nel caso dei contratti di solidarietà, la percentuale di riduzione dell’orario di lavoro era indicata nella misura del 15%, con riduzione riguardante tutti i giornalisti della testata e da effettuare in forma verticale, con durata di 24 mesi con decorrenza (indicativa) dal primo gennaio 2014. Nel secondo caso, durata del piano di riorganizzazione fissata in 24 mesi e con data di avvio da definire. I giornalisti da prepensionare sarebbero individuati in base al criterio anagrafico fra tutti coloro che nella vigenza del piano avranno compiuto i 60 anni di età. L’ipotesi disegnata diceva inoltre che «successivamente alle uscite dei giornalisti» prepensionati, l’azienda «si rende disponibile, nel rispetto delle procedure di legge e di contratto, ad assumere 14 giovani giornalisti qualificati individuati dalla direzione, il cui ingresso sarà progressivamente distribuito nel tempo sulla base di un programma definito tra le parti».

 E nel caso di ulteriori uscite di giornalisti rispetto alnumerodi 59, l'azienda siimpegna ad effettuare ulteriori assunzioni rispetto a quelle indicate, secondounrapporto di 1 ingresso ogni 3 uscite. A quanto pare, però, il Cdr della testata non avrebbe avuto unità di vedute ed intenti su come procedere, affidando quindi a una consultazione referendaria interna la scelta dell’una o dell’altra ipotesi, ed ha vinto quella che vuole i prepensionamenti secchi. Ora bisognerà procedere a un accordo definitivo tra azienda e rappresentanza sindacale, ovvero il Cdr dovrà ricorrere a un nuovo referendum

di Andrea Valle

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fonty

    fonty

    20 Dicembre 2013 - 15:03

    Anche quando si parla di fiaschi, tu nomini i fischi. Hai le fissazioni, sei afflitto da sindrome maniacale compulsiva come i malati di mente, vai a farti curare. Ma cosa avrai in quella capoccia da capatosta, dillo ancora dai, che sei plurilaureato, (in albania)che così ti facciamo l'ennesima pernacchia, creatura scialba ed inutile, oltre che malata e dannosa.

    Report

    Rispondi

  • colombinitullo

    19 Dicembre 2013 - 17:05

    Caro imbecille non ci sarà un momento della sua inutile e dannosa(per i disgraziati familiari ammesso e non concesso che ne abbia)vita in cui non pensa per un secondo a Berlusconi? capisco che i lunghi studi da lei effettuati(con scarsissimi risultati)le abbiano tolto serenità ma essere così pirla, mi creda,è difficile.

    Report

    Rispondi

  • zefleone

    18 Dicembre 2013 - 18:06

    I classici comunisti vigliacchi: quello che è mio è mio e quello che è tuo e mio.....brutti sbastardi

    Report

    Rispondi

  • aresfin

    aresfin

    18 Dicembre 2013 - 13:01

    Povero rincoglionito, hai sempre l'ossessione di Berlusconi. Anche dove non si parla di Silvio, tu ti rodi quello schifo di cervellino che hai e riconduci tutto solamente al Berlusca. Tipica mentalità della sottospecie komunista.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog