Cerca

Furto di Stato

Tasi, con l'aliquota al 3,5 per mille rischio rincari

Dal governo Letta un altro schiaffo agli italiani: la nuova gabella è una fregatura, saremo ancora più poveri

Tasi, con l'aliquota al 3,5 per mille rischio rincari

Una presa in giro, un salasso continuo. Tolgono l'Imu (per finta) e ci aspetta una stangata sul mattone che sarà ancor peggiore. Il pericolo è più che concreto: con la possibilità di elevare fino al 3,5 per mille l’aliquota della nuova Tasi (Tributo sui servizi indivisibili) sulla prima casa, corriamo il rischio che nel 2014 le famiglie subiscano nuovi, pesanti, rincari. I calcoli li fa la Cgia di Mestre, che invita i sindaci a fare molta attenzione: "Viste le difficoltà economiche in cui versano - dichiara il segretario Giuseppe Bortolussi - è facile ipotizzare che molti Comuni saranno costretti ad aumentare l’aliquota della Tasi fino al nuovo picco massimo, con il pericolo di penalizzare oltre modo le famiglie più numerose". 

I calcoli - Nelle simulazioni effettuate dalla Cgia, il probabile aumento delle detrazioni fino a 1,3 miliardi di euro consentirà uno sconto medio su tutte le prime abitazioni pari a 66 euro, contro i 200 euro - ai quali si aggiungevano altri 50 euro per ogni figlio - concessi dall’Imu nella versione 2012. Visto che la base imponibile della Tasi è la stessa dell’Imu, i rincari previsti nel 2014 rischiano di essere pesanti, soprattutto per le famiglie numerose. 

Stangati i poveri - Per un nucleo con tre figli e una abitazione civile di tipo A2 (con rendita catastale di 620 euro circa), già con un’aliquota al 2 per mille subirà un aumento di 29 euro. Nell’ipotesi che l'aliquota salga al 3,5 per mille, l’aggravio, rispetto a quando si pagava l’Imu, sarà, di 186 euro. Le cose andranno addirittura peggio per le famiglie proprietarie di abitazioni civili A3 (cioè di minor pregio rispetto a quelle classificate A2). Già con l’aliquota all’1,5 per mille, il rincaro sarà di 40 euro. Se, poi, il Comune deciderà di alzarla al 3,5 per mille, l’aggravio sarà di 182 euro.

Le coperture - "Certo - commenta ancora Bortolussi - i sindaci avranno la possibilità di regolare con ampia autonomia il sistema delle detrazioni. Per questo li invitiamo a intervenire in difesa delle famiglie più numerose e nei confronti dei proprietari delle abitazioni con le rendite catastali più basse. Se ciò non avverrà, saranno proprio questi soggetti a pagare il conto più salato". Bortolussi poi si spende in un'ulteriore considerazione: "Premesso che nella confusione di questi giorni forse la cosa è semplicemente sfuggita, rimane da chiarire un punto. Se con l’innalzamento delle detrazioni fino a 1,3 miliardi di euro la Tasi diventerà meno pesante, dove troveranno gli 800 milioni di risorse aggiuntive che metteranno a disposizione, visto che non sono riusciti a trovarne nemmeno la metà per evitare il pagamento della mini-Imu?".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gregio52

    22 Dicembre 2013 - 23:11

    Dalle tasche dei nostri politici, da quei politici invischiati nei giochi di video poker ecc... Soldi che rubano alla povera gente che giocando sperano in una vita migliore, non pensando a quanto vengono presi per il "culo".

    Report

    Rispondi

  • koch

    22 Dicembre 2013 - 13:01

    I miei suoceri, dopo una vita di lavoro e di risparmi,erano riusciti a farsi una modesta casa in periferia che, alla loro morte, è passata in eredità a mia moglie. Affittata, l’ultimo inquilino se ne è andato dopo mesi che non pagava l’affitto. La casa necessita di lavori di manutenzione, il mercato immobiliare è fermo per cui la vendita sarebbe attualmente impossibile. Affittare significherebbe o trovare un altro inquilino che non paga l’affitto (tanto non potrebbe essere sfrattato) o aspettare decenni per recuperare i lavori di restauro e messa a noma. I nostri figli (trentenni)hanno un lavoro precario e non sono intenzionati a mettere su casa da soli, per cui vivono con noi. Questa casa, però, per i “legislatori” risulta essere una seconda casa e come tale viene tassata, anche se non è situata a Cortina o Forte dei Marmi, ma all’estrema periferia di una città della pianura padana. I miei suoceri non avrebbero mai pensato di lasciare in eredità un debito perenne con lo stato

    Report

    Rispondi

  • fabiou

    21 Dicembre 2013 - 21:09

    vogliono spingere gli italiani a smettere di investire nelle case per scegliere la borsa. quando investiranno in azioni ci sarà un crollo pilotato e gli squali della finanza si mangeranno tutti i loro risparmi

    Report

    Rispondi

  • palllino

    21 Dicembre 2013 - 19:07

    A parte che non so come togliere l imu possa avere fatto bene al pregiudicato..di abitazioni principali ne avra una e probabilmente di lusso quindi l imunavrebbe dovuto pagarla comunque.. Mi viene da sorridere perche l imu e una tassa la cui ablzione si riferisce solo all abitazione principale,che come e noto non e l'hannomsolo quelli di destra.Il fatto e' che quelli di sinistra sembrano contenti dipagare e allora perche non pagate voi anche le nostre tasse???

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog