Cerca

Un 2014 da incubo

Imu e Tasi, Saccomanni: "Alzare le aliquote". Sulla casa tasse per 50 miliardi

Il ministro dell'Economia promette: "In 3 anni la pressione fiscale calerà di 9 miliardi". Intanto stangano il mattone: rispetto all'Ici spenderemo il 220% in più

Fabrizio Saccomanni

Fabrizio Saccomanni

"Il 2014 sarà l'anno della svolta: famiglie, lavoratori e imprese pagheranno meno tasse, nel prossimo triennio si ridurranno di ben 9 miliardi con un calo graduale anno per anno". Professa ottimismo il ministro dell'Economia Fabrizio Saccomanni, ma tra le pieghe dell'intervista a Repubblica fa filtrare un'indiscrezione che è già una mannaia sulla testa dei contribuenti italiani. Come introdurre detrazioni sulla casa? Semplice, "consentendo ai sindaci di aumentare l'aliquota massima". Vale a dire: portare le aliquote della Tasi dal 2,5 al 3,5 per mille per le prime case e dal 10,6 all'11,6 per mille sulle seconde. Risultato: per confermare, di fatto, le detrazioni per famiglie e ceti meno abbienti già previste dalla vecchia Imu, la nuova tassa sulla casa con l'aggiunta di tutto il blocco "immobiliare" della Iuc (compresa la Tari sui rifiuti) sarà una mazzata superiore a quella degli anni precedenti. Secondo Confedilizia, per esempio, nel 2014 il governo incasserà dal mattone 28 miliardi di euro, contro i 20 dell'Imu 2013 e addirittura i 9,2 dell'Ici nel 2011. Un salasso.

50 miliardi di tasse - Più nel dettaglio, con le nuove aliquote la Tasi porterebbe nelle casse dello Stato circa 8 miliardi. L'Imu sulle seconde case porterà via dalle tasche degli italiani 23,8 miliardi (calcolati in base ai dati 2012 sottraendo dal computo il gettito della prima casa). Si aggiungono altri 9 miliardi derivanti dalla Tari sui rifiuti, e, infine, tutto il pacchetto di tasse "di registro, ipotecarie e catastali", altri 8 miliardi di euro. Il totale della tassazione patrimoniale arriva dunque alla quota "monstre" di 50 miliardi. Nel 2011, l'Ici come detto valeva 11 miliardi di euro e la tassa sui rifiuti 7,5: significa che in 3 anni le tasse sulla casa con annessi e connessi sono schizzate in su del 220 per cento.

Caso sulle date - L'aspetto deprimente, o tragicomico, è che all'alba del 2014 di certezze ancora non ce ne sono: il governo deve ancora decidere sulla data delle scadenze fiscali. Secondo il Corriere della Sera si starebbe facendo strada nel governo l'ipotesi di un rinvio a giugno per la Tasi, per tutti. D'altronde, la sovrapposizione di scadenze tra Imu, mini-Imu, Tasi e Tari è un rompicapo (e svuota-tasche). Secondo la Stampa, poila partita sulle aliquote non sarebbe ancora chiusa. L'ipotesi del quotidiano torinese è che l'esecutivo scelga di alzare le aliquote sulla prima casa al 3 per mille diminuendo però quella sulla seconda al 10,6. I contribuenti non hanno nemmeno la certezza di che morte moriranno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • milibe

    10 Settembre 2014 - 16:04

    saccomanni o saccomerda?

    Report

    Rispondi

  • mallardogiulio

    12 Gennaio 2014 - 01:01

    Saccomanni solo i coglioni che votano il centrosinistra ci credono come allocchi,perr favore togliti dai coglioni che tra te e monti avete mandato piu in rovina la gente non siete altro che leccini della Merchel.

    Report

    Rispondi

  • mallardogiulio

    12 Gennaio 2014 - 00:12

    tutti questi signori del governo Letta in testa dovrebbero andare nel programma dilettanti allo sbaraglio,peccato che in tutto questo casino ci dissanguano,gente e ora di dire basta,cistanno rovinando.Buttiamoli nel cesso e tiriamo lo sciaquone.

    Report

    Rispondi

  • freeskipper

    freeskipper

    09 Gennaio 2014 - 16:04

    Ma non era stata cancellata l'Imu sulla prima casa? Evidentemente no, o almeno non del tutto, dal momento che entro il 24 gennaio 2014 i cittadini di circa 2.500 comuni - che hanno ratificato le aliquote sopra lo 0,4% - dovranno pagare la mini-Imu del 2013!!! E si parla di 12,6 milioni di contribuenti, il 61 per cento del totale, costretti a dover mettere mano al portafoglio. Ma tanto a "loro" non gli basterà mai e continueranno a spremere i soliti noti, oggi con la mini-Imu, domani con la Tares, la Tari, la Tasi, la Trise, la Iuc, e così via tartassando di balzello in balzello, almeno finchè i soliti noti ancora ne avranno di soldi da dargli per mantenerli su quelle poltrone, almeno fino a quando i soliti noti continueranno ancora a votarli!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog