Cerca

I veri virtuosi

Mini-Imu e Tares, i comuni in cui le tasse non si pagano

Mini-Imu e Tares, i comuni in cui le tasse non si pagano

Domani, venerdì 24 gennaio, è il termine ultimo per pagare la mini-Imu, la mini gabella inserita da 2.391 comuni pur di far cassa dopo l'abolizione della prima rata del 2013 della stangata sulla prima casa. Tra i comuni in cui la mini-Imu si paga c'è Milano, dove il sindaco Giuliano Pisapia, fedele alla sua etichetta di vampiro succhia-soldi, ha aumentato l'aliquota allo 0,6%, un escamotage con cui prelevare più soldi possibili ai suoi contribuenti. Ma questo è un altro discorso. Qui si parla, infatti, dei comuni virtuosi, ma quelli virtuosi davvero, ossia quelli in cui la mini-Imu non si paga. Già, perché esistono anche molti sindaci che hanno deciso, a differenza di Pispapia e simili, di non massacrare i già massacrati contribuenti.

Gli esempi - Il Giornale ha fatto un viaggio in questi comuni per testimoniare gli esempi più signficativi di risparmio virtuoso. Tra questi un caso davvero curioso, in provincia di Siracusa: a Solarino non si paga la Tares, a patto di adottare un cane randagio. Un vigile, poi, controllerà due volte all'anno lo stato di salute dell'animale, e se tutte le regole vengono rispettate la gabella sui rifiuti potrà non essere saldata. Restando alla mini-Imu, ecco un elenco dei comuni più grandi dove sindaci più "umani" hanno deciso di non farla pagare: Ferrara, Imperia, Savona, La Spezia, Bergamo, Como, Lecco, Lodi, Mantova, Monza, Sondrio, Udine, Trieste, Gorizia e Pordenone, Asti, Biella, Cuneo, Vercelli, Trento, Bolzano, Aosta, Padova, Treviso, Vicenza e Venezia. Tutti capoluoghi di provincia dove le tasse comunali sulla prima casa non sorpassano lo 0,4% stabilito per l'anno precedente.

Piccoli comuni - Ma ci sono esempi davvero virtuosi anche nei piccoli comuni. Per esempio a San Gimignano, in provincia di Siena, che ha addirittura abbassato l'aliquota Imu allo 0,30 per cento. Spiega il sindaco Giacomo Bassi: "Facciamo acrobazie per non gravare sulle tasche dei cittadini". Poi c'è Guglionesi, in provincia di Campobasso, dove il sindaco Bartolomeo Antonacci spiega con orgoglio: "In questi anni difficili l'amministrazione non ha aumentato nemmeno l'Irpef e abbiamo rispettato il patto di stabilità". Infine il caso di Vicopisano, ancora in provincia di Pisa. Parla il sindaco Juri Taglioli: "La cifra corrisposta dello 0,4% ad abitazione principale ci viene rimborsata dallo Stato. Qualora avessimo aumentato l'aliquota Imu, sarebbero stati i residenti a pagare la differenza, quindi abbiamo soprasseduto".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lepanto1571

    24 Gennaio 2014 - 14:02

    Vorrei segnalare un'anomalia al limite dell 'illegalità. Sono pensionato e ho un C.C. Postale. Pur avendo, da alcuni anni, un deposito medio annuale sicuramete minore di € 5000, le Poste e la Deutesk Bank prelevano abusivamete le imposte statali sui C.C. Nonostante le mie richieste, il rimborso non è stato effettuato. Sono cifre modeste, ma moltiplicate per milioni di ignari pensionati, la cifra "fa il governo ladro". Un'altra vergogna italiana! Prima di vendere, dovrebbero mettersi in pari restituendo i soldi ingiustamente prelevati.

    Report

    Rispondi

  • spalella

    23 Gennaio 2014 - 15:03

    e poi viviamo in un paese unito ? ma non fatemi ridere, quì di paesi ce ne sono almeno due, uno dei quali fà letteralmente schifo. Ci saranno pure eccezioni, ma sono così rare da non fare testo.

    Report

    Rispondi

blog