Cerca

Tassatori di professione

Tasi, l'aliquota sulla prima casa può salire al 3,3 per mille

Nel decreto sul rientro di capitali, il governo inserisce (e poi censura) il ritocco sulle aliquote del mattone

Tasi, l'aliquota sulla prima casa può salire al 3,3 per mille

In burocratese si chiama così: "Decreto-legge recante disposizioni urgenti per incrementare il contrasto all'evasione fiscale e l'efficienza dell'amministrazione finanziaria". Si tratta del testo messo a punto dal governo nel corso del Consiglio dei Ministri il cui obiettivo è far emergere capitali detenuti illecitamente all'estero. Un testo che però nascondeva una fregatura, poi sparita, ossia l'ennesima stangata sulla casa. Che c'entra il mattone col decreto? Semplice, nulla. Ma il governo - nel giorno in cui scade il termine massimo per il pagamento della mini-Imu - in questo decreto aveva pensato bene di mettere nero su bianco quanto si prevedeva, ovvero che la Tasi, la nuova tassa sulla casa, sarà salatissima.

L'articolo - Il decreto, composto da 4 punti, all'articolo 3.5 recitava: "All'articolo 1 della legge 27 dicembre 2013, n. 147, sono apportate le seguenti modificazioni". E tra le "modificazioni"  ecco che "per lo stesso anno 2014, nella determinazione delle aliquote TASI possono essere superati i limiti stabiliti nel primo e nel secondo periodo, per un ammontare complessivamente non superiore allo 0,8 per mille e purché l'intero gettito aggiuntivo sia esclusivamente destinato a finanziare riduzioni d'imposta, relative alle abitazioni principali, aggiuntive rispetto alle detrazioni disposte a valere sulle risorse del Fondo di cui al comma 731". Un punto che però poi è sparito, e nel corso della presentazione del decreto da parte di Letta non è stato menzionato. Insomma, manca ancora l'ufficialità, ma il rialzo delle aliquote arriverà.

La fregatura - Dunque l'aliquota massima sulla prima casa potrà schizzare fino al 3,3 per mille, a condizione che i Comuni utilizzino il gettito per finanziare le detrazioni. L'aliquota, dunque, supera il 3 per mille che era stato previsto lo scorso 8 gennaio. Ad oggi non è possibile sapere quali saranno le scelte di ogni sindaco per quel che concerne le detrazioni. Il Sole 24 Ore ha già provato a fare qualche calcolo sulla nuova Tasi, prevedendo una detrazione media di 100 euro, una cifra che deriva dalle risorse a disposizione, ossia gli 1,4 miliardi che potrebbero derivare dai nuovi incrementi di aliquota, e i 500 milioni già previsti per il 2014 dalla legge di stabilità. In questo quadro, dove i valori fiscali sono più alti della media e dove l'Imu si è alzata nel 2013 (città come Milano, Roma e Napoli), la Tasi 2014 potrebbe essere anche molto più bassa. Al contrario, in città più piccole come Monza, Cuneo o Reggio Calabria, la Tasipotrebbe schizzare e assestare rilevanti aumenti rispetto alla vecchia imposta.

Le cifre/1 - Milano, per esempio, il bilocale con Tasi al 3,3 per mille senza detrazione pagherà 355 euro, con la detrazione 255 euro (contro i 446 euro del 2013). Per quel che riguarda il trilocale, 744 senza detrazione e 644 con la detrazione (rispetto ai 1.154 euro dell'anno precedente. A Roma la Tasi su un bilocale sarà di 418 euro senza detrazione, 318 con lo sgravio, contro i 433 euro del 2013; per il trilocale si pagheranno o 1.070 euro o 970 euro contro i 1.421 del 2013. A Como per un bilocale si pagheranno 281 o 181 euro rispetto ai 140 dell'anno precedente; per un trilocale 707 euro o 607 euro contro i 657 dell'anno precedente. Quindi Bari, dove si pagheranno 315 o 215 euro per un bilocale rispetto ai 164 del 2013; 679 o 579 euro per il trilocale, rispetto ai 623 del 2013.

Le cifre/2 - Monza, comune più piccolo, per il bilocale si pagheranno 246 euro oppure 146 con la detrazione contro i 98 del 2013; per un trilocale 679 euro o 579 euro con la detrazione, contro i 623 dell'anno precedente. Quindi l'esempio di Varese: 218 o 118 euro per il bilocale contro i 97 dell'anno precedente; 484 o 384 per il bilocale contro i 460 dell'anno precedente. Per contro, il saldo sarà meno pesante, per esempio, a Torino: 349 o 249 per il bilocale contro i 409 del 2013; 903 o 803 per il trilocale contro i 1.373 dell'anno precedente. E ancora, Napoli: 241 o 141 per il bilocale contro i 237 del 2013; 419 euro o 319 euro contro i 623 dell'anno prcedente. Oppure il paradigmatico caso di Pescara, dove per il bilocale si pagheranno 281 o 181 euro contro i 140 dell'anno precedente; per il trilocale 614 o 514 euro contro i 544 del 2013.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • encol

    26 Gennaio 2014 - 14:02

    Questo fa solo danni e ci ride sopra.

    Report

    Rispondi

  • osicran2

    25 Gennaio 2014 - 13:01

    Nessuno parla dell'aumento del 60% delle rendite catastali, e quindi dei valori catastali; aumento che vale un +6 per mille delle varie aliquote fiscali! Sono pienamente d'accordo che utilizzare le risorse rivenienti dalla vendita di beni ed Enti, per la riduzione del Debito Pubblico, sia quanto di più stupido si possa concepire e fare. Le risorse vanno utilizzate per ridurre la pressione fiscale su imprese e famiglie, in modo da rilanciare i consumi e così tutta l'economia del Paese. Gettare le risorse, faticosamente ottenute, nel calderone del D.P. sarebbe un clamoroso errore! Poniamo ad es. 100 mld = risp. interessi 4 mld. all'anno, ma quante cose potrebbero farsi con quei 100 mld. spesi per il rilancio di consumi, lavoro e produzione? Ed ancora, quale gettito tali interventi potrebbero assicurare all'Erario? Certamente molti ma molti di più dei 4 mld. annui ed in più tutta l'economia del Paese ne riceverebbe un grande beneficio. Bisogna riflettere prima di fare passi avventati!

    Report

    Rispondi

  • seve

    25 Gennaio 2014 - 11:11

    Allora ,risparmi su spese ,neanche a parlarne ,sempre aumenti di tasse ,svendita di poste ed Enav ,ricavo 5-6 miliardi ,per ridurre un debito di 1200 miliardi ,mi sembra una grossa stupidità. Anzi a questo punto sono sempre più convinto che si stia per fare un grosso favore a qualcuno .Quindi sempre maggiore certezza che abbiamo a che fare con dei Ladri e per giunta ,venduti.

    Report

    Rispondi

  • lillo44

    25 Gennaio 2014 - 10:10

    .....invece di prenderci sempre in giro perché non ci dicono dove vogliono arrivare una volta per tutte, così ci mettiamo l'anima in pace!!! Si parla solo di far pagare tasse e nessuno parla che l'Italia sta cadendo a pezzi: argini dei fiumi inesistenti-ponti che crollano-famiglie con case distrutte per le inondazioni ecc,-industrie inondate-montagne che crollano ecc.!! Chi paga sono sempre i più piccoli (lavoratori-pensionati-artigiani ecc.) mentre i grossi patrimoni restano solo fantasmi e meno male che la Finanza ha scovato uno di loro e anche molto grande, solo 1250 immobili fantasmi!!! Questi Signori con grandi capitali in paesi sperduti vanno scovati infliggendo loro grosse pene economiche ecc. Basta tartassare sempre gli stessi ma purtroppo i nostri politici hanno ben capito dal momento che noi Italiani siamo delle brave pecore che per pagare le tasse facciamo anche delle lunghe file chilometriche!!! Dovevamo proprio entrare in Europa per finire in questo modo?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog