Cerca

Rivoluzione al Lingotto

Fiat-Chrysler: la sede in Olanda, il Fisco a Londra

Il capolavoro dell'ad. La sede fiscale del gruppo nato dalla fusione con Chrysler nel Regno Unito. La "testa" in Olanda per blindare la governance

Sergio Marchionne

Sergio Marchionne

Il piano è stato confermato, in toto. Ecco Fiat Chrysler Automobiles, il gruppo sorto dalla fusione tra il Lingotto e il colosso di Detroit. Il gruppo che come annunciato avrà sede legale in Olanda, ad Amsterdam, e la residenza fiscale a Londra. Un modello già sperimentato da Torino con Cnh Industrial. Fiat assicura che il gruppo continuerà, come è ovvio, a pagare le tasse nei Paesi dove opera (in termini spicci, per esempio, ciò che deve allo Stato per gli stabilimenti). Ma "sdoppiandosi" nella capitale britannica godrà di significativi vantaggi fiscali. Un esempio? Il pagamento dei dividendi, la cui tassazione è decisamente inferiore nel Regno Unito. Ma non solo: tutto ciò che Londra potrà tassare grazie allo spostamento della residenza fiscale di Fiat, sarà soggetto a un tax rate (il carico fiscale complessivo) pari al 23%, che diventerà il 21% nel corso del 2014 e il 20% nel 2015. E in Italia? Il tax rate è al 36%, di cui il 31,4% soltanto di corporate tax. Per inciso, al Fisco italiano Fiat ha dato 536 milioni di euro, un conteggio dal quale è escluso l'esborso Irap. 

Un governo forte - Con la sede legale in Olanda, Fiat potrà adottare un sistema che assegna un diritto di voto doppio ai soci stabili: di fatto l'operazione serve ad agevolare il mantenimento del controllo da parte della cassaforte Exor, la holding della famiglia Agnelli, che detiene una quota di Fiat poco superiore al 30 per cento. Fiat spiega: "Il sistema ha come obiettivo quello di facilitare la costituzione di una base azionaria stabile e di premiare gli azionisti a lungo termine, fornendo contemporaneamete al gruppo una maggiore flessibilità nel perseguire opportunità strategiche". Il modello, come detto, ricalca alla perfezione quello adottato per Cnh Industrial: il Lingotto "blinda" la governance grazie alla legislazione olandese, che offre agli azionisti di maggioranza, come spiegato, un valore maggiore in sede di assemblea. Infine le novità dal fronte azionario: Fiat chiederà la quotazione a New York, mentre a Milano resterà una quotazione secondaria. "La quotazione sull'Mta di Milano - spiegano - avverrà dopo l'inizio della quotazione al Nyse".

Dategli torto... - Il Cda del Lingotto, presentando il nuovo assetto socieario e dando il via libera alla costituzione di Fiat Group Automobiles, parla di un "giorno storico". Sergio Marchionne afferma: "E' il giorno più importante della mia carriera". Quindi insiste sull'"adozione di una governance internazionale e le previste quotazioni" che "miglioreranno l'accesso ai mercati globali con evidenti vantaggi finanziari". Per John Elkann "la nascita di Fiat Chrysler Automobiles segna l'inizio di un nuovo capitolo della nostra storia". Difficile dare torto ad entrambi. Difficile anche puntare il dito contro l'ad Marchionne, artefice di un nuovo capolavoro. In parte salva Fiat dalle tagliole del Fisco italiano, le regala un "governo" forte grazie alla sede ad Amsterdam, debutta sul listino più forte del mondo, quello di New York, e mantiene la forza lavoro in Italia. Provate a dargli torto...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sparviero

    02 Febbraio 2014 - 15:03

    Al vecchio partito comunista,ora pd, alleato con i sindacati rossi e meno rossi. I risultati oggi purtroppo sono evidenti, fuggi fuggi generale delle aziende e di tutta la forza lavoro, specialmente la più qualificata. Vai Marchionne che vai bene! Compagni, voi intanto continuate ad importare beduini.

    Report

    Rispondi

  • cavallotrotto

    30 Gennaio 2014 - 14:02

    a parte pagare meno tasse , tanto i nostri imbecilli di stato non capiscono niente , è anche una torta in faccia alla cgil e alla fiom . fuori da questi sindacati che proteggono i lazzaroni . per salvare il deretano a 19 lazzaroni di landini , si chiude la fiat , e 2000 lavoratori disoccupati . marchionne sei un genio , non siamo nell'800 ma nel 3000 e i sindacati facciano un esame di coscienza ammesso che ne abbiano una .

    Report

    Rispondi

  • frabelli

    30 Gennaio 2014 - 14:02

    In un Paese dove chi ha i soldi viene additato come un ladro - preciso che io non ho soldi, sono un pensionato e vivo solo della mia pensione di impiegato - il padrone come uno schiavista e solo l'operaio viene incensato. Dove le tasse stanno uccidendo tutte le imprese, e di conseguenza il lavoro langue,perché le fabbriche chiudono e l'unica cosa che questi ultimi due governi sanno fare è quello di alzare le tasse. Beh è l'unica soluzione quella, di chi può, andarsene. A chi si lamentava del governo Berlusconi e di ciò che riceve: ristoranti pieni, locali di villeggiatura pieni, ecco vorrei ricordare loro che all'epoca era così. Oggi no!

    Report

    Rispondi

  • lupobianconero

    30 Gennaio 2014 - 14:02

    Ho letto tante critiche ingiuste, ma vi rendete conto che: "la fiat va a Londra, i coniugi pensionati vanno in Bulgaria, le visite mediche in Polonia dove all' interno ci sono anche le scuole, i giovani si trasferiscono in tutte le parti del mondo per trovare lavoro e per studiare, le aziende si trasferiscono nei paesi dell' est, la giustizia penale é lenta ed e' ingiusta, quella civile dura in eterno, anche le tasse vengono ritassate, i cittadini avvolti dal dolore preferiscono andare nell' aldilà anziché lottare civilmente, la spesa pubblica non si riduce per recuperare risorse. Morale: un apprezzamento a Marchionne, con lode se riuscirà a trasferire anche i lavoratori ed a tutti quelli che hanno coraggio di vivere e di cambiare. 10 e lode. L'Italia non è un paese democratico, è caos totale in tutti i settori.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog