Cerca

A "In mezz'ora"

Squinzi contro Letta: "O cambia passo o si voti. Livelli pre-crisi nel 2021..."

Il presidente di Confindustria: "I dati sulla crescita non sono sufficienti, il 2% nel 2014 non è possibile". E anche Prodi spinge il premier: "Più coraggio"

Squinzi contro Letta: "O cambia passo o si voti. Livelli pre-crisi nel 2021..."

"Serve più coraggio. O il governo cambia passo o ad un certo punto andiamo a votare". Chi parla non è Matteo Renzi, bensì Giorgio Squinzi, presidente di Confindustria. Intervistato da Lucia Annunziata a In mezz'ora su Raitre, il capo degli industriali lancia un messaggio chiaro al premier Enrico Letta: o si torna a crescere, non con percentuali da prefisso telefonico, oppure il futuro è nero, per il governo e soprattutto per l'Italia. "Se questi sono i dati torneremo ai livelli pre-crisi solo nel 2021, quest'anno cresceremo di un misero molto poco". Da Abu Dhabi Letta aveva annunciato: "L'Italia sta superando la crisi, il 2014 sarà l'anno della svolta". "Per far tornare a crescere l'occupazione - lo ha gelato Squinzi - serve una crescita del 2% l'anno. Non pensiamo che sia possibile nel 2014".

Prodi: "Letta, più coraggio" - "Confindustria faccia il suo lavoro", ha ribattuto il premier che sempre oggi ha dovuto incassare il consiglio amichevole di un suo "padrino", Romano Prodi. L'ex leader dell'Ulivo lo ha spronato a fare le cose che servono senza paura: "Ci sono sfide che si affrontano sapendo perfettamente che si incontrerà la resistenza e la reazione del sistema, e quindi con buone possibilità di fallimento - ha spiegato Prodi in un'intervista ad Aldo Cazzullo sul Corriere della Sera -. Ma penso che oggi l'Italia abbia bisogno di essere messa di fronte alle sue sfide. Letta ha bisogno di una sortita. Se hai un disegno, devi anche rischiare". Il consiglio dunque è uno solo: "Prendere iniziative anche contestate. Non avere paura di mettersi in una controversia". Sicuri che Letta abbia la forza per farlo, ora?

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    06 Febbraio 2014 - 08:08

    25 anni senza aumenti di capitale e investimenti.Cessazione di produzione per vendere solo prodotti cinesi, aiuti di Stato portati alle Bahamas, innovazione sconosciuta, evasione fiscale alle stelle, connubi con politici corrotti al massimo. Eh Squinzi, da che pulpito.,..

    Report

    Rispondi

  • encol

    04 Febbraio 2014 - 10:10

    Basta con i farlocchi al governo del paese. Non dobbiamo più minacciare ma imporre il cambio. Che cosa serve ancora per capire che questa è una compagine di governo assolutamente inadeguata, incapace, nullafacente, ballista, pericolosa per l'Italia. Un premier che gironzola all'estero a raccontare esclusivamente balle ci rifila danni d'immagine per decenni a venire. Certo gente che ha sempre e comunque percepito uno stipendio, e che stipendio, queste cose non le capiranno mai.

    Report

    Rispondi

  • fossog

    02 Febbraio 2014 - 21:09

    e Letta lo abbiamno già sfiduciato noi cittadini che, tra la'ltro, non lo abbiamo mai votato. Un simile cancro stà ancora incollato lì perchè noi non abbiamo democrazia ma una oligarchia ''dei pensionati, degli statali, dei privilegiati, e delle lobbies'' che votano Pd e Pdl che gestiscono un potere trasversale CONTRO TUTTI GLI ALTRI CITTADINI. Ma se torneranno a votare coloro che si astengono dal voto, riusciremmo a farli a fette questi profittatori incivili e prepotenti. Tempo al tempo, alla fine non ci si può astenere per sempre, no ?

    Report

    Rispondi

  • sparviero

    02 Febbraio 2014 - 20:08

    Scusami, ma mi sfugge il significato del Caro PdC, vorresti essere più esauriente.....Grazie.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog