Cerca

Italiani tar-tassati

Iva, casa, risparmi e patrimoni
Ecco dove si preparano a colpirci

Dopo Monti e letta quello di Renzi a "trazione Padoan" sarà un altro governo delle tasse. Si Salvi chi può

Iva, casa, risparmi e patrimoni
Ecco dove si preparano a colpirci

Un probabile inasprimento della tassazione sui consumi (leggasi: accise sulla benzina più salata e rialzi dell’Iva). Nessun alleggerimento del prelievo fiscale sugli immobili, semmai un ulteriore aggravio con l’avvento della Tasi e della Tari (che insieme fanno la Iuc) da giugno prossimo. Ancora: una stangata sulle rendite finanziarie, oggi colpite con un balzello con aliquota al 20% destinata a salire fino al 24-25% più vicina, si dice, alla media europea. E un colpetto pure alle imposte sulle eredità. Sullo sfondo, poi, c’è la patrimoniale, cioè una botta secca sugli asset finanziari e immobiliari delle famiglie.  Le carte in mano al nuovo ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, sono queste. 

Cercando di ricostruire il «pensiero» del nuovo inquilino di via Venti Settembre salta fuori la sua avversione per i tributi che gravano sui redditi da lavoro, ma anche una certa propensione a picchiare su beni e acquisti. «Ci sono tasse più dannose allo sviluppo (sulle imprese e sul lavoro) - queste le parole del neo ministro - e altre meno dannose, come quelle sui consumi e sui patrimoni». Padoan oggi giura al Quirinale - ieri era di rientro da Sydney e non ha fatto in tempo - e poi andrà subito a occupare la scrivania di Quintino Sella. Il suo predecessore, Fabrizio Saccomanni, non senza celare malcontento per il «licenziamento», ha scritto su twitter che lascia a Padoan un terreno fertile, già seminato. Sul sito del Tesoro, il ministro uscente, ieri sera, ha pure pubblicato una sorta di «memo»   del lavoro svolto e poi ha annunciato di aver appena sbloccato 20 miliardi di euro per ridurre i debiti della pubblica amministrazione con le imprese.

 Padoan si occuperà anche dei pagamenti della pa, ma il suo obiettivo numero uno è intervenire con una sforbiciata netta sul cuneo fiscale. Obiettivi che, peraltro, il ministro ha messo nero su bianco nell’ultimo documento firmato come vicesegretario Ocse e destinato proprio all’Italia. Una sorta di indirizzo programmatico. Per abbassare le tasse sul lavoro, però, servono risorse. E la copertura finanziaria, come sempre, va messa insieme o con tagli alla spesa pubblica o con nuove tasse. Non c’è dubbio che il titolare dell’Economia metterà mano agli sprechi del bilancio pubblico. Tuttavia, non è chiaro il destino di Carlo Cottarelli, il superconsulente chiamato da Saccomanni a ridurre la spesa extra. Secondo alcune indiscrezioni, il nuovo Primo ministro, Matteo Renzi, sarebbe intenzionato a creare una cabina di regia a palazzo Chigi, probabilmente per dare più potere al sottosegretario, Graziano Delrio. 

Un percorso, quello individuato dal premier, che corre il rischio di allungare - e non di poco - i tempi della spending   review. Il piano di Cottarelli prevede di risparmiare 32 miliardi entro il 2016. Ma la scadenza potrebbe essere spostata in là nel tempo. Ragion per cui, Padoan non avrà molte alternative: per ridurre il peso del fisco sulle buste paga, dovrà alzare la pressione tributaria sul versante dei consumi e dei patrimoni.

di Francesco De Dominicis

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fausta73

    08 Marzo 2014 - 11:11

    L'UE non dice che in italia ci sono troppi politici e pagati troppo. E fra questi ci sono quelli che fregano i cittadini con tangenti e rimborsi? paghiamo i politici secondo la media europea, innanzitutto!!!!

    Report

    Rispondi

  • fraferra

    26 Febbraio 2014 - 08:08

    Ma i TAGLI alle spese quando vengono fatti???? Parlamento: metà persone e metà stipendio,,, Regioni: metà persone e metà stipendio,,,, Pensioni d'oro: eliminarle tutte, max pensione 3000 Euro al mese,,, Enti inutili, chiuderli tutti, eccc,,,, Medici ospedalieri: metà stipendio,,,,,, Ma devo andare io a Roma a spiegare queste cose??

    Report

    Rispondi

  • cordioliago

    25 Febbraio 2014 - 13:01

    Voi la conoscerete già, ma lo scrivo perchè mi è giunta la conferma di quello che sospettavo.( inervista di Paolo Bracalini a Giulio Sapelli sul "Giornale" del 24/2/2014 )Monti è un giornalista economico cosa pensi di economia è difficile dirlo. Saccomanni, un disastro, non sapeva dove trovare un miliardo per non aumentare l'IVA, significa che non sa neppure leggere il bilancio dello stato.Pier Carlo Padoan, anche lui non ha scritto cose fondamentali, ha navigato nelle istituzioni economiche internazionali all'inizio grazie all'endorsement politico di D'Alema, poi più autonomamente. Diciamo che è più un uomo di relazioni....Finalmente...non cambia niente, ma almeno non mi sono sbagliato. Grazie A.C.VR

    Report

    Rispondi

  • Renesis

    25 Febbraio 2014 - 11:11

    Ormai tutto è chiarissimo , vogliono costringerci,tramite sanguinosi sacrifici , a ripianare un debito mostruoso che , dati alla mano, nemmeno se ci tassassero al 90% per 20 anni sarebbe in pareggio ,tentando fino allo spasmo di tenere tutti e dico tutti i loro privilegi. Evidentemente a loro piace vincere facile nel senso : niente di più facile porta all'erede di Benito , chi di lama ferisce....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog