Cerca

Pmi, l'allarme di Confindustria

"Un milione a rischio chiusura"

5
Pmi, l'allarme di Confindustria

La crisi c’è. Esiste ancora. E si sente, eccome. I suoi effetti negativi non sono passati, e secondo Confindustria sono destinati protrarsi ancora nel tempo, soprattutto ai danni delle piccole e medie imprese. Lo scenario descritto da Giuseppe Morandini, presidente della Piccola industria di Confindustria, in occasione dell'XI Forum che si è aperto oggi pomeriggio a Mantova, ha tinte decisamente fosche: “Oltre un milione di piccole imprese sono a rischio” chiusura nei prossimi sei mesi, ha detto Morandini, in quanto “non ci sono ordini e viviamo in una situazione di straordinaria difficoltà”. La ripresa, aggiunge mesto, “non chiedetemi quando ci sarà, ma come e dove”: perché  essa “ragionerà per medie e sarà lontana” verso i mercati di Cina, India e Brasile.

Con l'Università di Perugia, ha inoltre spiegato Morandini, “abbiamo fatto una rapida indagine sui bilanci di alcune aziende del nostro manifatturiero tradizionale. Dal campione è emerso che un terzo delle imprese che sta andando bene, un terzo è in mezzo al guado, un terzo sta soffrendo”.

Dopo le agevolazioni fiscali per la ricapitalizzazione, ora servono un rafforzamento del bonus e un fondo ad hoc per le aggregazioni tra le Pmi. È questa la misura allo studio per salvare oltre il 60% degli occupati, destinati altrimenti a perdere il posto di lavoro, e garantire allo Stato almeno un punto di Pil, cioè 14 miliardi di euro. Il progetto, a costo zero, si chiama "T-Holding", dove T sta per Tutela, ed è stato messo a punto dalla Piccola industria che fa capo a Confindustria.

 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gbbonzanini

    26 Ottobre 2009 - 15:03

    sono tremilioni col culo per terra, senz aneanche sapere il perchè o quasi: 1.000.000 i risparmiatori truffati dalle Banche, per centinaia di miliardi di Euro, con Draghi che avrebbe dovuto vigilare. 1.000.000 i cassaintegrati (per ora) che potrebbero aumentare del 50% entro fine anno, perchè Draghi non ha vigilato e imposto alle Banche di scucire il credito ai loro datori di lavoro. 1.000.000 le Piccole e Medie Aziende che hanno chiuso o stanno per chiudere strozzate dalle Banche controllate da Draghi.

    Report

    Rispondi

  • franziscus

    24 Ottobre 2009 - 18:06

    produrre in cina o nei paesi dell' est costa molto di meno che in italia e riempie le tasche (di poch ) di soldi, anche perchè poi quelle merci vengono vendute in Italia allo stesso (alto)prezzo che se fossero state prodotte qui

    Report

    Rispondi

  • gbbonzanini

    24 Ottobre 2009 - 15:03

    cacciare draghi il controllore, presidente dell'Istituto di Sorveglianza ovvero la Banca d'Italia, che invece di vigilare, faceva il leccapiedi di Passera, suo datore di lavoro.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media