Cerca

Disoccupazione da record

Oltre 2 milioni senza lavoro

Disoccupazione da record
Il tasso di disoccupazione raggiunge livelli record. A comunicarlo è l’Istat, annunciando una crescita del tasso dal 7,8% di settembre all'8% di ottobre (+1% rispetto allo stesso mese dell'anno scorso), raggiungendo il valore massimo dal 2004. Per la prima volta dal marzo di quell’anno, si registrano in Italia 2 milioni di disoccupati. Con esattezza il numero delle persone in cerca di lavoro è 2.004.000, in aumento del 2% (+39mila persone) rispetto a settembre e del 13,4% (+236mila) su base annua. L’istituto di statistica specifica che il tasso di disoccupazione giovanile a ottobre è aumentato al 26,9% dal 26,2% di settembre, con una crescita del 4,5% rispetto a ottobre dell'anno scorso.

Il ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi, commentando i dati, ha dichiarato che il livello di disoccupazione «sta significativamente al di sotto della media Ue che è al 9,8% mentre in Italia è all'8%». Il nostro Paese «si colloca sotto la Francia e il Regno Unito e prossima alla Germania». Inoltre il dato, rispetto al mese precedente, «conferma il livello di occupazione» e, sottolinea il ministro, si verifica «in condizioni di difficoltà economiche che riconosce i primi segnali di ripresa peraltro in modo discontinuo e selettivo». Commentando le risorse inserite in Finanziaria per gli ammortizzatori sociali, Sacconi afferma: «Vogliamo agire in questa direzione ma non solo», sono allo studio atri interventi «per portare fuori dall'inattività le persone».


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cavallotrotto

    03 Dicembre 2009 - 11:11

    la disoccupazione è da sempre alta . teniamo presente che i dati vengono presi dagli uffici del lavoro. sono molti che lavorano e non risultano . non c'è bisogno di aspettare lacrisi globale per avere quei dati. se uno ha voglia di leggere le statistiche anni 60-80-90 noterà che le percentuali della disocupazione non scendevano mai sotto il 6 per cento , a seconda dei periodi saliva anche al 10 -11 percento è tutta una questione di interpretazione di cosa si intende per disoccupato , che non è sempre il senza lavoro , c'è anche quello che per abitudine lo fa. verificare

    Report

    Rispondi

  • antari

    01 Dicembre 2009 - 11:11

    cvd

    Report

    Rispondi

blog