Cerca

Crisi, Tremonti soddisfatto

"L'Italia ha tenuto e terrà"

Crisi, Tremonti soddisfatto

“L’Italia ha tenuto, tiene e terrà”. Il ministro dell’Economia Giulio Tremonti traccia il bilancio di fine anno, e si dice soddisfatto di come il nostro Paese abbia affrontato e superato la crisi: ''L'Italia ha dimostrato una forte tenuta. Sappiamo che ci sono settori, situazioni, famiglie, persone che hanno difficoltà. Lo sappiamo, ma il sistema nel suo complesso ha tenuto, tiene, terrà. E' merito degli imprenditori, dei lavoratori, delle famiglie, dei Comii cittadini italiani. Gli italiani hanno ragione ad avere fiducia nell'Italia. Credo che gli italiani abbiamo ragione ad avere fiducia nel governo''.

Segnali molto positivi arrivano poi dallo "scudo fiscale", il provvedimento che consente il rimpatrio in Italia dei capitali all'estero non dichiarati al fisco. Si tratta di oltre 80 miliardi di euro, importo superiore a quello “stimato in Finanziaria”, sottolinea il ministro. Ma altri capitali potranno ancora rientrare, visto che il governo ha deciso di prorogare i termini dello scudo". Una mossa “necessaria”, secondo il titolare dell’Economia, anche perché “la quantità crescente dei capitali in rimpatrio non trovava risposta''."In appena due mesi sono rientrate in Italia risorse per 160.000 miliardi delle vecchie lire”, spiega ancora Tremonti, “una cosa senza precedenti. Paradossalmente dico che avremmo fatto questa operazione anche gratis pur di riaver un rientro di questa portata. L'effetto macro-economico - ha sottolineato il ministro - è più importante dell'effetto di bilancio". Rispetto alle precedenti edizioni dello scudo il ministro ha rimarcato "un incremento di rimpatri reali rispetto a quelli virtuali".

Finanziaria senza tasse – E a proposito della Finanziaria appena approvata al Senato, Tremonti dice che si tratta dell'ultima finanziaria “ed è di 9 miliardi, l'1% del bilancio. Vale l'1% del bilancio, non mi pare una cifra grande. 4-5 miliardi sono spostamenti da un fondo all'altro e non ci sono tasse'' ha puntualizzato Tremonti.

Riforma del fisco – Ma c’è ancora un passo molto importante da compiere, ed è quello di avviare la riforma del fisco: Abbiamo cominciato a ragionare con il presidente del consiglio sul fatto che è arrivato il momento di guardare a prospettive di riforma. Io ritengo che quella fiscale sia fondamentale. Abbiamo cominciato a discutere, ci sarà una fase di studio e confronto con i rappresentanti del mondo dell'economia e dell'industria. Sarà un percorso molto affascinante", ha sottolineato. La riforma fiscale dovrebbe avere come "priorità la famiglia, il lavoro, la ricerca e l'ambiente". "Vogliamo favorire le famiglie con bambini - ha sottolineato il ministro - e pensiamo a qualcosa di più ambizioso del quoziente familiare".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • churchill

    10 Gennaio 2010 - 15:03

    Anche oggi il "perfetto" Drago Draghi s'è parato : Guardia alta, ha sentenziato !Metafore alla Mourino.

    Report

    Rispondi

  • gbbonzanini

    26 Dicembre 2009 - 15:03

    noi per il momento non ce ne siamo ancora accorti. Però se lo dice lui ci sarà da crederci e ci crderanno anche i disoccupati e gli autonomi che hanno chiuso e che stanno per chiudere. Vorrà dire che a Natale anzichè seghe e gazzose, ci daremo a figa e champagne.

    Report

    Rispondi

  • gbbonzanini

    23 Dicembre 2009 - 19:07

    il mio post a questo articolo dove è finito? e tutti gli altri dove sono finiti?

    Report

    Rispondi

blog