Cerca

Occupazione, calo del 1,9%

Boom della cassa integrazione

Occupazione, calo del 1,9%
L’occupazione nelle grandi imprese a ottobre è diminuita dell’1,9% rispetto allo stesso mese del 2008 ed è rimasta invariata rispetto a settembre 2009. E’ quanto rileva l’Istat. I settori più colpiti dal calo sono la farmaceutica con un -8,3%, computer, elettronica e ottica -7%, articoli in gomma e plastiche nonché macchinari e attrezzature -5,6%.

Sono state registrate, in termini tendenziali, variazioni negative dell’1,9% nell’occupazione al lordo della Cig e del 3,7% in quella al netto della Cig. Nei primi dieci mesi del 2009 la variazione media dell’occupazione, rispetto allo stesso periodo del 2008, è stata di meno 1,4% al lordo della Cig e di meno 4% al netto della Cig.

Cassa integrazione - A ottobre, sempre secondo i dati Istat, nelle grandi imprese sono state utilizzate 38,2 ore di cassa integrazione guadagni per ogni mille ore lavorate. Rispetto a ottobre 2008 il ricorso alla Cig è aumentato di 22,4 ore per ogni mille. Nel confronto tra i primi dieci mesi del 2009 e il corrispondente periodo del 2008, il ricorso alla Cassa integrazione guadagni ha registrato un incremento di 31,2 ore per ogni mille ore lavorate.

Le retribuzioni - A ottobre la retribuzione lorda per ora lavorata nel totale delle grandi imprese registra una diminuzione congiunturale (al netto della stagionalità) dello 0,4%. L’Istat, aggiunge che nella media degli ultimi tre mesi (agosto-ottobre) c’è stata una diminuzione dello 0,2% rispetto alla media dei tre mesi precedenti.
 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • disgustato

    30 Dicembre 2009 - 14:02

    Questi dati fanno riflettere. L'ottimismo non basta più,ci vogliono interventi e riforme,la deindustrializzazione è in atto e la cassa integrazione non può durare una vita,le risorse mancheranno a breve. Il paese è come afflosciato su se stesso e i politici sono occupati altrove con le beghe personali ma a chi deve mantenere una famiglia non interessa il loro parlare contro a prescindere.Se si è inadeguati a governare e risolvere questi problemi,per il bene del paese ,fatevi da parte,non portate al collasso la poco cosa positiva che ancora rimane.

    Report

    Rispondi

  • forzadoria

    30 Dicembre 2009 - 12:12

    Cala l'occupazione, aumenta la cassa integrazione, scendono le retribuzioni, salgono le tariffe. Non c'è che dire, il 2010 si avvia a partire con prospettive davvero incoraggianti. In campagna elettorale, uno che ci ama aveva detto che l'Italia era in ginocchio e ci aveva dato la sua ricetta: "Ghe pensi mi". Forse ci ha pensato, ma risolvere i problemi è un altro discorso. In ginocchio eravamo, in ginocchio rimaniamo, più sbucciati di prima. Che cosa ci prometterà ora, più ginocchiere per tutti?

    Report

    Rispondi

blog