Cerca

Bankitalia: disoccupazione oltre il 10%

Le regioni più colpite sono quelle del Sud, dove si sale fino al 17,8%

Bankitalia: disoccupazione oltre il 10%
La disoccupazione in Italia è oltre il 10%. Per la precisione al 10,3%. Il numero, che si riferisce al secondo trimestre 2009,  è una stima della Banca D'Italia. Nel bollettino mensile sull'andamente dell'economia, l'istituto guidato da Mario Draghi non si accontenta di conteggiare i senza lavoro, ma aggiunge anche i cassa integrati e le persone scoraggiate. "Il tasso di disoccupazione, nel secondo trimestre del 2009, sarebbe al 10,2% anzichè al 7,4% se ai disoccupati ufficialmente conteggiati si aggiungessero anche i lavoratori in cassa integrazione e le persone scoraggiate, ovvero coloro che non cercano attivamente un impiego pur avendo una probabilità di trovarlo analoga a quella di chi è senza lavoro e alla ricerca di una nuova occupazione".
La disoccupazione è aumentata in particolare nelle regioni del Nord e del Centro (1,4 punti in più nel secondo trimestre) e si attesta al 6,9%; nel Mezzogiorno il tasso di disoccupazione sarebbe stato più elevato di 0,7 punti (al 12,7%). Nelle regioni del Mezzogiorno, dove storicamente il fenomeno dello scoraggiamento ha un peso significativo, comprendendo tra i disoccupati non solo i lavoratori in cig ma anche gli scoraggiati, nel secondo trimestre 2009 il tasso di disoccupazione sarebbe stato pari al 17,8%, 5,8 punti in più dell'indicatore calcolato secondo i criteri dell'Ilo».
Impressionante il numero di persone in cerca di occupazione: sono ben 2,6 milioni a fronte dei 2 milioni del secondo trimestre 2008. Un dato con cui Bankitalia legge anche la crisi del mondo industriale: «in presenza di ampi margini inutilizzati di capacità produttiva, anche la spesa delle imprese in beni strumentali si prefigura modesta».
Il Pil - La Banca d'Italia stima per l'Italia una crescita del Pil dello 0,7% quest'anno, per poi accelerare all'1% nel 2011. Per i prossimi due anni si profila una ripresa debole anche se sulle previsioni «permangono significativi margini di incertezza, connessi - si legge nel Bollettino economico trimestrale - in particolare, da un lato, a una domanda mondiale che potrebbe risultare più favorevole di quanto ipotizzato e, dall'altro, al rischio che le condizioni del mercato del lavoro si mantengano deboli per un tempo maggiore».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog