Cerca

Tremonti: fisco ingiusto, serve riforma

Il ministro: aliquote alte alibi per chi evade

Tremonti: fisco ingiusto, serve riforma
Tremonti torna sulla riforma fiscale. La vuole fare, dice, ma non a piccoli rattoppi. La questione è tanto seria che o si affronta in maniera organica, o si lascia stare. Le aliquote alte, poi, vanno ritoccate: sono un alibi per chi vuole evadere le tasse. «Credo nella riduzione delle aliquote e nel coinvolgimento in modo serio dei Comuni» nella lotta all'evasione, ha detto il ministro dell'Economia  a Telefisco, iniziativa de 'Il Sole 24 Ore'. «È una minoranza - ha aggiunto - che dichiara redditi sopra i 100.000 euro mentre la vendita di auto di classe elevata è quattro volte tanto. Un sistema con aliquote così elevate è un alibi per non pagare le tasse. Se tu paghi la metà, io continuo a chiederti il doppio, così tu paghi almeno la metà».

«È arrivato il momento in Italia e in Europa per una riforma fiscale che ci allinei al nuovo secolo. Non credo che la via giusta sia quella dei piccoli rattoppi interni ma inutili per rimettere a posto o fare il body building ad una specie di ectoplasma che accumula elementi di ingiustizia con elementi di inefficacia». Il fisco ora, ha evidenziato il ministro, «è ingiusto e inefficace, prende troppi soldi da una parte, fa perdere troppo tempo alle imprese, i cittadini pagano tanto e non hanno idea di a chi pagano e soprattutto che cosa ricevono».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • uldebass

    22 Ottobre 2010 - 11:11

    vorrei ricordare a tutti quello che fece Reagan negli anni 80: abbassò le tasse, tutti gli dissero che era un pazzo ma l'economia cominciò a correre a le entrate fiscali aumentarono, la Germania sta già correndo ma ha dato una robusta sforbiciata all'imposizione fiscale. Poi con l'imposizione fiscale italiana il cittadino si sente giustificato ad evadere, se io potessi non pagherei nulla e mi sentirei la coscienza a posto. Coraggio Tremonti, taglia ste tasse e falle pagare sui consumi, non sul reddito, se no pagano sempre i poveracci con la trattenuta alla fonte

    Report

    Rispondi

  • MirkoG70

    06 Agosto 2010 - 16:04

    ... Se lei fosse Ministro dell'Economia, sì che saprebbe e potrebbe rimettere le cose a posto! Cosa dice? Lei è già Ministro dell'Economia? Mi scusi: non mi ero accorto che eravamo su "Scherzi a Parte".

    Report

    Rispondi

  • dubhe2003

    01 Febbraio 2010 - 21:09

    Coraggio Min.Tremonti;metta giù una bozza di riforma fiscale,non colpendo la fascia più larga e sicura per l'Erario col prelievo alla fonte,sulla quale, tutti e poi tutti,si sono mai guardati di agevolare. Mi riferisco a quella fascia di reddito con aliquota media dal 23- 27%. Per quanto riguarda poi,la possibilità di elusione ed evasione fiscale per gli altri soggetti fiscali non colpiti alla fonte,buona è l'idea di delegare i Comuni alle opportune verifiche fiscali ove i percepienti di reddito hanno la loro residenza.Altrimenti,meglio non parlarne più.Bye

    Report

    Rispondi

  • GiorgioBanino

    28 Gennaio 2010 - 10:10

    Cos'é? La lezione del maestro di scuola per bambini poco intelligenti? L'ingiustizia fiscale per le aliquote troppo alte, per la difficoltà di dichiarazione del reddito, dovuta a migliaia di norme assurde e contrradditorie, per le cartelle pazze doppie o triple che raggiumgono regolarmente il suddito, non è una sensazione. Se il ministro avesse solo la sensazione del 10% del livello d'incazzatura dei contribuenti starebbe molto attento a misurare le parole. Giorgio Banino

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog