Cerca

Disoccupati, mai così tanti dal 2004

L'Istat: in 2 milioni cercano lavoro

6
Disoccupati, mai così tanti dal 2004
La crisi economica ha un impatto pesante sul mercato del lavoro e i disoccupati aumentano ancora, arrivando a livelli mai raggiunti almeno dal 2004. A dicembre, comunica l’Istat, il numero di persone in cerca di lavoro ha superato ampiamente quota 2 milioni (esattamente 2,138 milioni), in aumento del 2,7% rispetto a novembre (+57mila persone) e del 22,4% nel confronto con lo stesso mese dell’anno prima (+392mila). Il tasso di disoccupazione è arrivato quindi all’8,5% dall’8,3% di novembre (+1,5 punti percentuali rispetto a dicembre del 2008), raggiungendo il valore massimo almeno da gennaio del 2004, inizio della serie storica (ma nel primo primo trimestre del 2003 il tasso era all’8,7%).

EUROPA - L'aumento dei disoccupati trova conferma anche nei 16 Paesi dell'area euro, dove la disoccupazione è salita al 10%, contro il 9,9% rivisto di novembre. Nel dicembre di un anno fa era all'8,2%. Sono i dati Eurostat, che evidenzia che si tratta del tasso più elevato nella zona dell'euro dall'agosto 1998.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • a.trunfio

    17 Febbraio 2010 - 19:07

    prendete nota, Prego. "Non c'è modo di evitare il collasso finale di un boom indotto da un'espansione creditizia. La scelta è solo se la crisi debba avvenire prima come risultato dell'abbandono volontario di un'ulteriore espansione del debito o più tardi con la totale catastrofe del sistema monetario coinvolto." Ludwig von Mises.

    Report

    Rispondi

  • a.trunfio

    17 Febbraio 2010 - 19:07

    il peggio deve ancora venire. AMEN

    Report

    Rispondi

  • spalella

    14 Febbraio 2010 - 15:03

    I disoccupati nascono dalla crisi dei beni di consumo, e di ciò che non serve e che è spinto dalla pubblicità senza una vera utilità. L'unico modo di assorbirli e quello di implementare i servizi, che da noi non esistono, e le produzioni in casa di ciò che importiamo, ad esempio l'energia implementando la produzione da sistemi rinnovabili. Sono due filiere che pescano in casa, producono in casa, e creano posti di lavoro per i cittadini italiani.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media