Cerca

Raffinerie, a rischio 7500 posti di lavoro

Unione petrolifera: "Quattro o cinque impianti chiuderanno"

Raffinerie, a rischio 7500 posti di lavoro
È imminente la chiusura di 4 o cinque raffinerie, «che sono di troppo». A lanciare l’allarme, illustrando il Consuntivo 2009, è il presidente dell'Unione Petrolifera, Pasquale De Vita, secondo cui il calo dei consumi e delle esportazioni mette a rischio 7500 posti di lavoro, visto che «ogni raffineria dà lavoro, con l'indotto, a circa 1.500 persone». Il settore della raffinazione in Italia «è entrato in crisi» anche a causa della competizione bilanciata dell'Estremo Oriente: «Significa che quattro-cinque raffinerie sono di troppo. C’è un problema di ridurre la consistenza del sistema industriale e in Italia alcune raffinerie come quella di Falconara sono già ferme per una riduzione della produzione».

Per De Vita si tratta di «una previsione che sta con i piedi per terra. È il vero problema. La raffineria è un settore fondamentale per il Paese ed è in crisi. Bisogna che insieme affrontiamo questo tema. Il settore è destinato a ridimensionarsi».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gitex

    05 Febbraio 2010 - 17:05

    con tutte le auto a gpl e metano che hanno venduto.....

    Report

    Rispondi

blog