Cerca

Paradisi fiscali, duemila contribuenti indagati

Due miliardi di euro trasferiti all'estero tra il 2007 e il 2008

Paradisi fiscali, duemila contribuenti indagati
Una nuova operazione contro l’evasione fiscale investe oltre duemila contribuenti. Dalle indagini dell’Agenzia delle Entrate e della Guardia di Finanza è emerso un buco di circa due miliardi di euro, trasferiti all’estero tra il 2007 e il 2008.

Obiettivo dell’operazione è quindi recuperare le grosse somme di denaro scovate nei paradisi fiscali. Gravi conseguenze attendono i contribuenti che non saranno in grado di dimostrare la regolarità dei movimenti scoperti, quasi tutti residenti in Lombardia, Lazio, Veneto, Emilia Romagna e Piemonte. Unica Regione virtuosa del Nord è la Valle d'Aosta.

L’operazione è condotta congiuntamente dai Reparti speciali della Guardia di Finanza e dalla nuova task force contro l'evasione fiscale internazionale dell'Agenzia delle Entrate.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dubhe2003

    02 Marzo 2010 - 19:07

    Ora,lo scudo è scaduto e se ci sono 2000 indagati,sarà interessantissimo sapere,quanti e quali soggetti fiscali hanno evaso i loro proventi.Sperando si continui a dare loro la caccia,prepariamoci a conoscere i nominativi,che non saranno certo dei capifamiglia a reddito fisso,con prelievo d'imposta alla fonte.

    Report

    Rispondi

  • gitex

    27 Febbraio 2010 - 20:08

    gli evasori non finiranno in galera, avranno sempre buon gioco ad evadere; tanto poi pagano una tantum..........

    Report

    Rispondi

  • r2

    27 Febbraio 2010 - 11:11

    che con qualcuno sono usciti, sti capitali, con qualcun altro sono rientrati spontaneamente e, sempre con qualcun altro, anche scovati e adesso mazzolati ben bene perchè lo scudo non c'è più. Poi vedremo le prossime ma per il momento è così. Saluti

    Report

    Rispondi

  • dubhe2003

    26 Febbraio 2010 - 23:11

    Ho sempre sostenuto che coi governi Prodi,si incentivava l'uscita di capitali all'estero,in quanto con l'aumento di tasse,imposte,contributi,chi ne aveva preferiva portarseli al.... sicuro. Nonostante le reazioni contro, di più di qualche commentatore di Sx.,sia qui che in altre testate.Ecco per cui,tutto sommato(come male minore),è stato positivo cercare di fare rientrare almeno perte dei soldini,indebitamente fuoriusciti. Auspico che si continui la caccia agli evasori e senza tregua.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog