Cerca

Bush sprona il Congresso

Tonfo di Unicredit a Milano

Bush sprona il Congresso

Il Congresso ha rispedito al mittente il piano messo a punto dalla Casa Bianca di fronte alla crisi dei mutui subprime e il presidente Bush è tornato allora a sollecitare l’approvazione del pacchetto per il salvataggio del sistema bancario statunitense, spiegando che l’economia dipende dalla tempestività dell’intervento pubblico in mancanza del quale le conseguenze, a detta di Bush, sarebbero “dolorose e durature”.
"Garantisco ai nostri concittadini e ai cittadini di tutto il mondo che questa non è la fine dell'iter legislativo" dice il presidente all'indomani della bocciatura del piano da 700 miliardi di dollari da parte della Camera. "Siamo in una fase critica per l'economia e abbiamo bisogno di misure di legge per far fronte agli asset problematici... permettere all'economia Usa di ripartire" continua. "Se il paese prosegue su questa strada i danni economici saranno dolorosi e duraturi" ha concluso davanti alla stampa riunita alla Casa Bianca.
La giornata in Borsa - Sulla scia di Wall Street, e del nuovo discorso di Bush, le Borse europee recuperano, risalendo dai forti ribassi dell’apertura e chiudendo in rialzo. Fa eccezione solo Piazza Affari, che ha terminato in calo appesantita dal tonfo di Unicredit. Sui listini hanno influito le parole del presidente degli Stati Uniti. Effetto positivo sui mercati hanno avuto anche i dati sulla fiducia dei consumatori negli Usa, superiori alle attese degli analisti. A trainare i rialzi tra i settori materie prime (Eurostoxx +3%) e salute (+3,43%), mentre sono invariate le banche, ben lontane dai minimi delle ultime due sedute. Le preoccupazioni per le banche europee hanno trascinato al ribasso l’euro, scivolato sotto quota 1,42 dollari. Il Cac40 ha chiuso in rialzo dell’1,44%, il Dax lo 0,4% e il Ftse100 il 2,44%: fa eccezione Piazza Affari, dove il Mibtel ha perso lo 0,56% e l’S&P/Mib l’1,06%.
Sulla piazza italiana, per l’appunto,  risalta in particolare il tonfo di Unicredit che ha perso il 12,67%. “L'azienda ha un'ottima operatività nonostante le condizioni di mercato. La situazione di liquidità è molto rilevante e anche se non dovessimo accedere al mercato fino alla fine dell'anno non è assolutamente un problema. Restiamo liquidi”, ha commentato l’ad Alessandro Profumo di fronte alle domande insistenti dei cronisti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog