Cerca

Mutui, Marcegaglia chiede

l'intervento dello Stato

Mutui, Marcegaglia chiede

Cambio di programma negli ambienti di Confindustria. Di fronte alle crisi dei mutui che mette paura, anche in Italia, nel sistema bancario, Emma Marcegaglia chiede l’intervento dello Stato, l’unica “soluzione possibile in fase di emergenza”. Una dichiarazione arrivata nel corso del convegno di Giovani industriale a Capri, in controtendenza con quanto aveva affermato nei giorni del suo insediamento alla carica di presidente dell’associazione degli industriali italiani. “Non ci sono alternative perché altrimenti si rischierebbe di estende la crisi a tutto il sistema finanziario con un impatto inevitabile ed enorme sull’economia reale”, si giustifica la Marcegaglia, che si augura una cambiamento nell’atteggiamento della Banca centrale europea perché immetta liquidità sul mercato, in modo da “non far mancare il credito alle imprese”
Poi un’aggiunta per chiarire la sua posizione: “In Europa e in Italia non ci devono essere alibi per tornare al controllo pubblico dell’economia. Dobbiamo dire no alla chiusura dei mercati e alle lusinghe del protezionismo”. La Marcegaglia chiede di tornare alla base, all’economia reale e si rivolge ai sistemi finanziari perché tornino a “fare il loro mestiere, supportando e finanziando i provvedimenti di sviluppo delle imprese, le uniche in grado di creare ricchezza e benessere vero per la comunità”.
Nel corso del suo intervento, la Marcegaglia è tornata sulle questione dei contratti e al muro contro muro con la Cgil: “Voglio ancora credere che il brusco e inspiegabile cambio di atteggiamento della Cgil, che abbiamo registrato mentre ci si avvicinava ad un'ipotesi di soluzione, possa essere oggetto di un ripensamento”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • piero1939

    10 Novembre 2008 - 12:12

    la marcegaglia ha idee molto chiare salvarsi e salvare non so chi a spese di noi miserabili contribuenti (lo stato). altroche cazzi.

    Report

    Rispondi

  • piero1939

    10 Novembre 2008 - 12:12

    cari industriali credo che invece di chiedere aiuto a chi vi ha permesso di accumulare fino ad oggi i vostri patrimoni personali sia giunto il momento di ritirali fuori rinunciare al vostro lusso fasullo e rimetterlo nelle vostre aziende. non pensate di dichiarare utili spropositate valorizzati da semplici numeri risultati da piu' e meno. invece di reinvestire altrove ritornate a casa dai vostri cari.

    Report

    Rispondi

  • piero1939

    10 Novembre 2008 - 12:12

    credo che mungere la mucca sia la professione piu' ambita da tutti. ragazzi quando si parla di stato si parla di noi non del primo che passa. credo che noi non vogliamo. voglio sapere come si puo' lavorare, fare gli industriali e anche i banchieri in questo modo. capisco i politici e gli amministratori che spendono e spandono prima ancora di incassare le presupposte entrate. ma le banche te lo dicono prima che ti danno i soldi e quando li rivogliono li rivogliono subito e se non li ridai sono cazzi amari. a marcega che cazzo dici.

    Report

    Rispondi

  • ilcantodelgrillo

    04 Ottobre 2008 - 19:07

    Cara Mercegagli ..arda sarà perchè abbacinato dal candore Hollywoodiano del suo sorriso ma di quello che vuol dire e che vuol fare non ci ho capito una "virgola". Domandare è lecito ma Lei cosa propone? Oremus

    Report

    Rispondi

blog