Cerca

Nasce un nuovo colosso aereo

Entro il 2011 fusione tra United Airlines e Continental

Nasce un nuovo colosso aereo
Volano alto United Airlines e Continental, le due compagnie aeree che quest'oggi hanno annunciato la fusione tra i due gruppi da cui nascerà, entro la fine dell'anno, un nuovo colosso internazionale del trasporto aereo.
Lo slogan "Let's fly together", infatti, rimanderà da oggi a una di quelle operazioni che promettono di rivoluzionare gli equilibri del mercato aeroportuale.
Complessivamente, infatti, le due compagnie avranno un peso di circa 29 miliardi di dollari (dati 2009), con un cash di circa 7,4 miliardi di dollari al termine del primo trimestre di quest'anno.
Unendo le forze, United e Continental realizzaranno un network che non trova eguali al mondo e che servirà 370 destinazioni in 59 Paesi, trasportando 144 milioni di passeggeri l’anno. La nuova flotta aerea prevede circa 700 aeromobili, con oltre 88 mila dipendenti operanti su 10 hub delle più importanti città mondiali e statunitensi.
Per quanto riguarda le quote di ripartizione del nuovo colosso, gli azionisti di United deterranno circa il 55% del capitale della nuova compagnia, contro il 45% di Continental.
Si prevede che la fusione svilupperà sinergie tra 1 e 1,2 miliardi di dollari l’anno nel 2013, inclusi 800-900 milioni di incrementi annuali in termini di ricavi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • COCCINELLA

    06 Maggio 2010 - 10:10

    MI SEMBRA CHE QUEST'ENNESIMA MEGA-FUSIONE SIA LA CHIARA DIMOSTRAZIONE CHE LA CRISI NON è FINITA.

    Report

    Rispondi

  • gimet

    05 Maggio 2010 - 09:09

    Un boeing da Parigi a New York consuma 47000 litri di carburante. L'italiano medio con 20000 km annui impiegherebbe 23 anni per consumarlo. Lo sò che la matematica non è tra le passioni degli italiani (magari ne sanno di più sul GF), ma i conti, anche con la scusante di qualche imprecisione, sono presto fatti. Volete gli aerei??? Ebbene, sopportate tutte le conseguenze, ma proprio tutte (guerre comprese) ad ogni livello. Non si tratta di essere contro il progresso, si tratta solo di capire, valutare, e comportarsi coerentemente.

    Report

    Rispondi

blog