Cerca

Vodafone, Wind, Fastweb si alleano contro Telecom

I tre operatori assieme per una rete di nuova generazione. Obiettivo: cablare l'Italia in 5 anni

Vodafone, Wind, Fastweb si alleano contro Telecom
Parte il piano anti monopolio di Telecom Italia. Secondo quanto appreso dall'agenzia Adn, oggi i responsabili dei tre principali operatori concorrenti, Vodafone, Wind e Fastweb, avrebbero incontrato il  sottosegretario alla Presidenza Gianni Letta per studiare la messa a punto del progetto Ngn, next generation network. Protagonisti del progetto sono gli amministratori delegati di Vodafone, Paolo Bertoluzzo, di Wind, Luigi Gubitosi, insieme all'ex ad di Fastweb Stefano Parisi, autosospesosi dall'incarico dopo l'inchiesta sul   riciclaggio che ha coinvolto l'azienda.

L'ipotesi allo studio è la costituzione di una newco per la realizzazione di una rete telefonica di nuova generazione  (Ngn, acronimo di Next generation network) alternativa a quella di Telecom Italia. A sottoscrivere il capitale della società, inizialmente apportando come asset le proprie reti, sarebbero dunque le società concorrenti di Telecom Italia. La decisione sarebbe stata presa già all’inizio dell'anno ma poi congelata dopo la bufera che ha coinvolto Fastweb (insieme a Telecom Italia Sparkle) nell'inchiesta della Procura di Roma legata al riciclaggio.

Il progetto, almeno nei suoi connotati iniziali, prevederebbe la costituzione di una società partecipata dagli operatori alternativi  che si occupi della realizzazione e della manutenzione della Ngn,  mentre i servizi ai clienti finali sarebbero erogati dai singoli  operatori in regime di concorrenza. Obiettivo, il cablaggio delle  principali città italiane con tempi di realizzazione stimati in 5  anni e un investimento calcolato in 2,5 miliardi di euro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nicola.guastamacchiatin.it

    04 Maggio 2010 - 22:10

    La concorrenza è l'anima del commercio e pertanto,ben vengano altre compagnie a mettere in discussione questa egemonia quasi dittatoriale. Largo ai giovani.

    Report

    Rispondi

blog