Cerca

Arriva la lista Falciani

Oltre 7000 nomi di evasori fiscali italiani in un elenco sottratto da un ex dipendente della Hsbc

Arriva la lista Falciani
A pochi giorni dalla pubblicazione della lista di Anemone, che nulla ha a che vedere con l'evasione fiscale, una seconda lista fa tremare migliaia di italiani. E' l'elenco sottratto dall'ex dipendente Hervè Falciani alla divisione svizzera di Hsbc, nel quale sono riportati i nomi di oltre 7000 correntisti sospettati di evasione.

Gli uomini della Guardia di Finanza sono già in possesso del faldone - prima consegnato dal procuratore di Nizza, Eric de Montgolfier, al ministro della Giustizia francese - e da Parigi lo porteranno in Italia. Lo stesso avverrà per i fascicoli contenenti i nomi di presunti evasori americani, tedeschi e inglesi, che saranno consegnati ai rispettivi paesi.

Alla lista di nomi italiani si è interessato per primo il procuratore di Torino, Giancarlo Caselli, che ne ha fatto richiesta al collega de Montgolfier per valutarne gli eventuali profili penali. Sarà ora l'Agenzia delle Entrate, a prescindere dagli aspetti giudiziari, a procedere ad un'analisi approfondita sui soggetti da cui può nascere un accertamento fiscale.

Le indagini del procuratore francese si stanno svolgendo in collaborazione con lo stesso ex bancario Falciani che, trasferitosi in Francia, ha contribuito a decifrare i dati sottratti e sequestrati dalle autorità francesi, dopo la denuncia depositata dalla stessa Hsbc. Il tecnico informatico, doppia nazionalità (francese e italiana), è riuscito a mettere le mani sui dati di oltre 120mila conti correnti dell'istituto con l'intenzione di offrirli ai governi interessati.

L'apertura dell'inchiesta a Nizza deriva dalla convinzione che diverse persone che risiedono nella regione abbiano aperto conti nella banca di Ginevra per riciclare denaro sporco.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • wolf

    19 Maggio 2010 - 11:11

    Voglio solo sperare che questi signori, se accertati evasori, non abbiano usufruito dello scudo fiscale

    Report

    Rispondi

  • lulloferrari

    18 Maggio 2010 - 22:10

    La delazione, ancorchè a fin di bene, è una delle più orrende bassezze umane: non dimentichiamone l'uso criminale che ne fecero (e ne fanno) i regimi comunisti. I governi devono stanare gli evasori coi propri mezzi, altro che utilizzare informazioni di chi è pagato per mantenerne il segreto. Falciani andrà all'inferno!

    Report

    Rispondi

  • enricodignani

    18 Maggio 2010 - 17:05

    Un uomo onesto può anche innamorarsi come un pazzo, ma mai come uno stupido.

    Report

    Rispondi

blog