Cerca

Se l'euro dovesse fallire, allora fallisce anche l'Europa

Merkel: " È la crisi più grave dal 1957. Se non si supera, le conseguenze sono imprevedibili"

Se l'euro dovesse fallire, allora fallisce anche l'Europa
Crisi moneta unica è «prova più difficile» per l'Europa - L'euro «è in pericolo» e se la valuta unica «dovesse fallire, allora fallisce anche l'Europa». Parla senza giri di parole il cancelliere tedesco, Angela Merkel, aprendo al Bundestag il dibattito sul pacchetto anticrisi europeo. La crisi dell'euro «è la prova più difficile per l'Europa», ha detto Merkel, che ha chiesto che ai Paesi «notoriamente» in violazione delle regole sul deficit pubblico venga «tolto in via temporanea il diritto di voto» in sede europea.

Se non si supera crisi conseguenze «non prevedibili» - Per l'Europa, la crisi dell'euro è «esistenziale», ha detto Merkel nel suo intervento, chiedendo «azioni decise» per superarla. Se non si riuscirà a superarla le conseguenze «in Europa e oltre non sarebbero prevedibili».
Nel difendere il pacchetto di aiuti anticrisi, di cui buona parte sopportata dalla Germania, la cancelliera ha spiegato che «la posta in gioco va ben al di là di queste cifre, ben al di là di una valuta, si tratta del mantenimento e della sopravvivenze dell'idea europea».

È la crisi più grave dal 1957 -
Per l'Europa, quella attuale è la crisi più grave da quando sono stati sottoscritti i Trattati costitutivi nel 1957: la Germania, rivendicato ancora la Merkel, è riuscita a impedire la trasformazione dell'Europa in «un'unione dei trasferimenti» di fondi durante i negoziati sul pacchetto di aiuti, evitando «qualsiasi automatismo» nella concessione di fondi.
Merkel ha anche difeso il ruolo della Bce nel pacchetto di aiuti: «Il mantenimento della stabilità dei prezzi resta il mandato prioritario» della Banca centrale e «non ci sono dubbi che la Bce continuerà a esercitarlo con la stessa logica applicata finora».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ercole.bravi

    20 Maggio 2010 - 13:01

    Dunque facciamo ordine: si è deciso di versare una quota pro stato europeo per salvare la stessa dalle speculazioni....le borse volano per un refolo di speranza, il tempo di illudere i piccoli azionisti a comprare o non svendere, mentre i grossi si davano alla fuga, e il giorno dopo le borse boccheggiano nuovamente, ed i piccoli come sempre in saccoccia! Tremonti si rimbocca le maniche per una mini stangata economica, mentre Berlusconi esulta (!?) del fatto che l'euro svalutato ci permette di esportare meglio e proficuamente! La Merkel si abbarbica all'euro che le permette comunque di avere un ruolo di leader almeno politico in europa.....ma perde voti e consensi in casa prorpia. Ma non sembrano tutti più o meno confusi, o per lo meno stanno rimestando nel paiolo per non farci capire che lo stretto necessario? Io di questo gran casino ne avrei fatto a meno, ma stanno realmente giocando con il fuoco: la gente esasperata non guarda in faccia a nulla, la nostra storia insegna!

    Report

    Rispondi

  • roberto19

    roberto19

    19 Maggio 2010 - 16:04

    I vecchi metodi sono sempre i migliori Il contrasto alla speculazione raramente è stata vincente. La speculazione colpisce dopo l’esame di dati oggettivi esclusivamente finanziari. Il lato sociale non fa parte della mentalità dello speculatore. Come affermò tanto tempo fa Mr. Soros : “Gli squilibri finanziari interni e quelli in relazione ad altre economie si risolvono solo con la SVALUTAZIONE DELLA MONETA.” Rassegniamoci. L’equilibrio finanziario tra i paesi europei richiede una Europa più povera e … chi ha avuto, ha avuto e chi ha dato ha dato, dimentichiamo il passato. A PROPOSITO: L’ITALIA HA ANTICIPATO I TEMPI QUANDO È ENTRATA NELL’EURO CON LA PARITÀ A 1936,27 OVVERO 1 EURO CIRCA 2,000 LIRE : AD OCCHIO UN BEL 50% . SENTITAMENTE SI RINGRAZIA PER QUESTO BEL CETRIOLO.

    Report

    Rispondi

  • roberto19

    roberto19

    19 Maggio 2010 - 15:03

    Il contrasto alla speculazione raramente è stata vincente. La speculazione colpisce dopo l’esame di dati oggettivi esclusivamente finanziari. Il lato sociale non fa parte della mentalità dello speculatore. Come affermò tanto tempo fa Mr. Soros : "Gli squilibri finanziari interni e quelli in relazione ad altre economie si risolvono solo con la SVALUTAZIONE DELLA MONETA." Rassegniamoci. L’equilibrio finanziario tra i paesi europei richiede una Europa più povera e … chi ha avuto, ha avuto e chi ha dato a dato.

    Report

    Rispondi

  • roberto19

    roberto19

    19 Maggio 2010 - 14:02

    Troppa fretta, troppi paesi e nessun governo. Saranno contenti quelli che hanno voluto il loro nome ricordato nei libri di storia. Per come si sono messe le cose però non garantisco sugli aggettivi che verranno usati.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog