Cerca

Obama da Marchionne: "Sta facendo un grande lavoro"

Il presidente in visita agli stabilimenti Chrysler elogia l'ad di Fiat. Consenso anche fra gli operai: "Per noi è un salvatore"

Obama da Marchionne: "Sta facendo un grande lavoro"
"Un anno fa il futuro sembrava essere in dubbio". Ora solo apprezzamenti, dall’alto al basso. “Sta facendo un grande lavoro", dice il presidente Obama in visita agli stabilimenti Fiat/Chrysler. Sergio Marchionne “per noi è un salvatore”. A Detroit hanno le idee chiare: due dipendenti di Chrysler aderenti allo United Auto Worker (Uaw) da lungo corso, Tj Zpaechir e Steve Burmiarsh, benedicono l’operato dell’ad di Fiat: “Abbiamo sentito delle proteste in Italia. Per noi è strano”. Non sono tutte rose, “ci sono stati licenziamenti, abbiamo rinunciato a molto, bonus e aiuti”, ma “ora le cose iniziano ad andare meglio: riassumono e si parla di aprire una nuova produzione”. Da parte sua, Marchionne accoglie la visita di Obama con parole di elogio per l'appoggio che ha garantito durante un periodo di turbolenza: "Siamo onorati dall'avere il presidente con noi oggi. È stato grazie al coraggio delle sue decisioni che Chrysler è stata in grado sopravvivere e crescere a poco più di un anno dalla bancarotta".

La cura Marchionne, effettivamente, funziona negli States: lo stabilimento di Sterling Heights doveva chiudere entro il 2012 e invece aggiunge un secondo turno di produzione per lanciare un segnale incoraggiante sul miglioramento delle condizioni del settore e ciò “porterà – spiega Marchionne – benefici alla città, alla società e ai dipendenti che lavorano nello stabilimento”. Si fanno programmi in grande: l’obiettivo è di raddoppiare le vendite in Europa e Sudamerica a quasi 200 mila unità nel 2011.

Il confronto con l’Italia
– Marchionne lascia da parte le beghe italiane, ma indirettamente lancia il confronto: “Diamo valore alla solida partnership con lo stato del Michigan e la città di Sterling Heights. Apprezziamo il sostegno che riceviamo dal governatore Granholm e da Gregori Main, presidente della Michigan Economic Development Corporation, così come quello del sindaco Richard Notte”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • redheart

    07 Agosto 2010 - 18:06

    approposito..... io ammiro il coraggio della FIOM ! dimostrano coerenza e tenacia !

    Report

    Rispondi

  • Dream

    31 Luglio 2010 - 12:12

    ha ragione Marchionne ad andarsene, e se nessuno viene ad investire in Italia, hanno ragione! Si correi il rischi di vedere altre ditte estene (appalti) entrare in Fiat, con immenso danno ai "dipendenti" Fiat, e danno ai dipendenti delle ditte appaltatrici..: "stipendi inferiori ai dipendenti Fiat, per creare disuguaglianze, con il consenso di tutti quelli che salvaguardano i LAVORATORI!" La storia è vecchia!

    Report

    Rispondi

  • idleproc

    31 Luglio 2010 - 12:12

    ...per ottimizzare la produzione diventa necessario, secondo il nuovo AD, rivedere il contratto con l'Ente Superiore, per adeguarlo ai livelli produttivi richiesti della casa madre ora ubicata in Cina. Verrà, quindi, spretata l'attuale forza lavoro parrocchiale per essere successivamente riordinata col nuovo contratto. Si parla anche di un piano B, che secondo indiscrezioni Superiori, prevederebbe il trasferimento della produzione a monaci buddisti.

    Report

    Rispondi

  • onivas

    31 Luglio 2010 - 12:12

    In USA viene considerato il salvatore della patria e da noi (Micromega) è considerato un lupo mannaro nemico dei lavoratori. Forse bisognerebbe mandare i nostri intellettualoidi da strapazzo a lavorare in America per un po'. P.S.: Ma Obama, che oggi loda Marchionne, non era l'idolo dei nostri pseudointellettuali?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog