Cerca

Marchionne: "Hanno aperto i cancelli dello zoo"

A due giorni dall'attentato a Belpietro, l'ad Fiat commenta il grave episodo e prende le distanze da una cultura che alza la tensione sociale e nega il dialogo

Marchionne: "Hanno aperto i cancelli dello zoo"

A due giorni dall'attentato a Maurizio Belpietro, non solo i politici e i giornalisti esprimono il loro giudizio sul grave episodio e il clima di violenza e tensione degli ultimi mesi. A intervenire oggi è l'amministratore delegato della Fiat Sergio Marchionne, a Firenze per il convegno della Federazione Nazionale dei Cavalieri del Lavoro. "Il Paese ha perso il senso istituzionale, la bussola è partita, qualcuno ha aperto i cancelli dello zoo e sono usciti tutti. È difficile andare in giro per il mondo a spiegare cosa succede in Italia. È vergognoso", ha dichiarato il numero uno del Lingotto.

Alla domanda se sia corretto fare delle similitudini con gli Anni di piombo, Marchionne, che si è detto "molto preoccupato", ha risposto: "Beh, quelle fotografie le ricordiamo tutti". Gli episodi di violenza "che si sono verificati in questi giorni vanno condannati con fermezza. Dobbiamo prendere le distanze, tutti quanti, da una cultura disastrosa che alza la tensione sociale e nega il dialogo". Si tratta di "una cultura che non ci appartiene e che serve solo a distruggere ciò che di buono stiamo tentando di costruire. Oggi c’è bisogno di una convergenza forte, la più ampia possibile, che veda insieme tutte le forze positive di cui l’Italia dispone".

Secondo l’ad della Fiat "c’è bisogno di condividere gli impegni, le responsabilità e i sacrifici, in vista di un obiettivo che vada al di là della piccola visione personale". Questo, ha concluso, "è il momento di accettare il cambiamento come la possibilità per creare una base di ripartenza sana, come un’occasione per iniziare a costruire insieme il Paese che vogliamo lasciare in eredità alle prossime generazioni".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tizziocaio

    06 Ottobre 2010 - 09:09

    L abecera politica, i "cancelli aperti", la pessima gestione pubblica, una becera giustizia, cova vogliamo di piu'. Qualsiasi regola viene sempre rimessa in discussione, non esiste certezze in niente, le lobbi la fanno da padrone, i politici pensano a farsi le case all'estero con i soldi del propio partito, ecc. cosa altro ci aspettiamo? (sono 30 anni, non da ieri) Che la Fiat sia una benefattrice a propio danno? ,provate a mettervi nei panni degli azionisti!?, e allora come fuggono i cervelli, come fuggono tanti italiani schifati di questo paese allo sbando, anche la fiat sta facendo le valige. chi puo' dargli torto? ..Per i soldi che ha preso in cambio di aziende aperte al sud per accontentare i soliti politici acchiapavoti, le aziende ci sono come ci sono tantissime altre aziende, comperate e gestite....E qui che vi voglio!!!???.......be-

    Report

    Rispondi

  • z.signorini

    05 Ottobre 2010 - 10:10

    Ha semplicemente ragione. Perchè la politica non riesce ad arrivare a questo? Semplicemente per i propri interessi, non del popolo, ma personali.

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    04 Ottobre 2010 - 22:10

    L'attuale opposizione, rimanenza di ciò che furono i partiti portanti della liberazione,non hanno nulla a che fare con i loro padri. Quei signori che avevano patito il carcere,l'esilio e la prepotenza fascista seppero parlarsi l'un l'altro pur avendo culture e idee differenti e seppero far rinascere un Paese completamente disastrato sia materialmente che moralmente. I comunisti di allora,se avessero voluto,in pochi giorni avrebbero potuto assumere il potere del Paese ma, non lo fecero nemmeno all'attentato a Togliatti. Mi ricordo che un notissimo dirigente della segreteria del PC mi disse:noi abbiamo combattuto per avere la libertà e la democrazia e non vorremmo mai che diventassimo come i fascisti.Questa era l'opposizione di una volta. Oggi,questi signori,vogliono togliersi dai piedi colui che li ha derisi,non politicamente, ma con il trucco dei processi infamanti in modo che il popolo lo ripudi. Questi non sono dei politici ma dei cannibali sociali.

    Report

    Rispondi

  • Gaiaiulia

    04 Ottobre 2010 - 22:10

    I cancelli dello zoo bisogna chiuderli al piu' presto.....questi esseri sono pericolosi! A proposito come mai la ragazza che ha aggredito Bonanni non e' in galera? non in grado di intendere e di volere pure lei? In galera subito anche se e' figlia di magistrati!! NO COMMENT

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog