Cerca

Consumi fermi e disoccupazione reale all'11%

L'allarme di Bankitalia riguarda le famiglie, sempre più indebitate. Sacconi non commenta: "Dato esoterico"

Consumi fermi e disoccupazione reale all'11%
I confortanti dati sulla produzione industriale e gli ultimi, timidi ritocchi al rialzo sulle stime di crescita sembrano non bastare: la crisi, la cui fase acuta è considerata da tutti superata, continua ad azzoppare sensibilmente i redditi delle famiglie, i consumi e, conseguentemente, il mercato del lavoro e i redditi.
La fotografia sulla situazione italiana è stata scattata da Bankitalia nel suo Bollettino Economico, un rapporto che ha confermato l'instabilità e le molte contraddizioni di questi anni di uscita dalla crisi finanziaria.

Famiglie - I consumi delle famiglie continuano a ristagnare e gli investimenti in costruzioni si sono ancora contratti. "Le famiglie italiane hanno meno reddito disponibile e sono più indebitate. E i consumi ristagnano. Nella media del primo semestre il reddito disponibile reale delle famiglie consumatrici ha subito un calo nell’ordine dell'1% sul periodo corrispondente del 2009. In presenza di un sostanziale ristagno dei redditi nominali, la riduzione ha riflesso soprattutto una dinamica dei prezzi più elevata". Inoltre, nel secondo trimestre, secondo Bankitalia, "il debito delle famiglie (misurato in rapporto al reddito disponibile sui dodici mesi precedenti) è aumentato di oltre mezzo punto percentuale, confermando il moderato aumento osservato nel primo trimestre". A causare questo peggioramento l’incremento dei prestiti bancari a medio e a lungo termine.

Disoccupazione - Se i consumi ristagnano, la causa è da ricercare nel mondo del lavoro.
"Le prospettive sul mercato del lavoro rimangono incerte" e a farne le spese sono soprattutto i giovani tra i 15 e i 24 anni il cui tasso di disoccupazione continua a essere più di tre volte maggiore della media", sostengono da via Nazionale.
"Se si tiene in considerazione i lavoratori scoraggiati e le ore di Cassa integrazione, attualmente il tasso di disoccupazione reale viaggia oltre l’11%".

Crescita - Per contro qualche segnale di ripresa a livello macro economico c'è. L’economia italiana crescerà dell’1% nella media del 2010. Si tratta, spiega l’istituto di Via Nazionale, di un dato "in linea con quelli diffusi dalla Commissione europea e dal Fondo Monetario Internazionale". Bankitalia segnala che "nel secondo trimestre del 2010 il Pil in Italia è aumentato a un ritmo lievemente superiore a quello di inizio d’anno (0,5% sul periodo precedente). I motivi sono la crescita delle esportazioni e il deciso rialzo dell’accumulazione in macchinari e attrezzature, favoriti dalle agevolazioni fiscali in scadenza a giugno. La velocità di uscita dalla crisi, tuttavia, è nettamente inferiore alla Germania, che viagga a un inarrivabile +2,2%.

Sacconi non commenta - La pesante situazione tracciata da Banca d'Italia viene minimizzata da Maurizio Sacconi, ministro del Welfare, che non commenta i dati forniti.
"Commento solo fonti come Eurostat, non dati esoterici", ha detto il ministro, riferendosi al fatto che i parametri utilizzati dall'istituto di credito non sono riconosciuti a livello internazionale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Franky63

    18 Ottobre 2010 - 11:11

    Sacconi basta poco, fai un decreto con il quale chi assume, per un anno non paga contributi e tasse, e se il contratto lo fa' diventare a tempo indetermitato, gli si abbuona un'altro anno. Cosi a quelle aziende che vogliono assumere, in una fase incerta come questa, gli si da un aiuto reale, poi se le cose migliorano e' un bene per tutti. E poi per lo stato sarebbe un investimento a costo zero, e per le imprese e la gente gli si darebbe un po di fiducia.

    Report

    Rispondi

  • leisenmario

    17 Ottobre 2010 - 10:10

    SE ABBIAMO IL 54% DI TASSE DIRETTE UN'ALTRO 35% di TASSE INDIRETTE SUL RIMANENTE PAGHIAMO IL 20% DI IVA NON SCARICABILE MI VOLETE DIRE COME FA QUESTO PAESE ECONOMICAMENTE A NON ANDARE IN FALLIMENTO? QUESTO CI HA PORTATO IL COSTO DELLA POLITICA DEI PARTITI DEI SINDACATI,SONO LORO I RESPONSABILI E SONO LORO CHE DEVONO FARE UN PASSO INDIETRO SE VOGLIONO DARE UN PO DI RESPIRO ALLA NOSTRA BISTRATTATA ECONOMIA.

    Report

    Rispondi

  • Franky63

    17 Ottobre 2010 - 10:10

    Pur se nei sondaggi Sacconi e' considerato uno dei ministri piu' popolari, io l'ho considero il peggior ministro del lavoro che abbiamo mai avuto. Non per motivi politici, ma semplicemente peche' in un momento come questo, non ha fatto letteralmente NIENTE!!!! Ogni tanto contesta i dati, con quella faccia da prete, intanto la gente perde il lavoro. Io credo che la disoccupazione non sia 11%, ma se si facesse una indagine seria il dato sarebbe certamente piu' alto. Quindi poche chiacchiere e faccia qualcosa.

    Report

    Rispondi

  • giaco1956m

    16 Ottobre 2010 - 09:09

    Agli ITALIANI è stato tolto tutto(il lavoro, il TFR,la pensione,la gioia di vivere)però nonostante tutto questo non sono ancora andati in piazza a dare la sveglia ai cari politici (di tutti i colori) i quali blaterano ma non fanno niente per risolvere la siatuazione,tanto è vero che anche nell'ultima finanaziaria tutti devono stringere la cinghia tranne loro,ed evidenzio che da parte dell'opposizione nessuno ha detto tagliamo i privilegi ai PARLAMENTARI.Cari ITALIANI è inutile che ce la prendiamo con il governo,perchè tanto se al posto di questi ci fossero altri non cambierebbe assolutamente nulla.SVEGLIAMOCI

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog