Cerca

Tremonti il giardiniere: "Con il federalismo raddrizziamo l'albero italiano"

Il ministro parla da Cernobbio. "Prima delle riforme serve reperire fondi. I numeri anticipano la politica"

Tremonti il giardiniere: "Con il federalismo raddrizziamo l'albero italiano"
Mentre la Cgil e la Fiom sfilano per le vie di Roma contestando anche la politica economica del Governo Berlusconi, il ministro Giulio Tremonti ha spiegato le sue ragioni al Forum Coldiretti di Cernobbio.

L'importanza dei numeri - Un Tremonti non politico ma contabile, che ribadisce la priorità delle disponibilità di cassa.
"In passato era la politica che faceva i numeri. Ora i numeri vengono prima della politica: prima si recuperano le risorse, poi si spende seguendo un piano da disegnare con grande serietà e senza speculazioni. Una pianificazione che si dovrà scrivere in inglese, perchè deve rispondare agli standard imposti dall’Europa e dal contesto internazionale. I tagli lineari? Modalità adottata in tutta Europa. Ovunque si fanno tagli percentuali dando ai ministeri la possibilità di varare proprie finanziarie e di decidere con flessibilità dove sforbiciare al loro interno. Comunque le disponibilità di cassa sono potenzialmente buone: esistono, per esempio, forti margini per il recupero dell’evasione fiscale, anche se in questo campo i comuni dovrebbero fare di più".

Fisco locale - E l'accenno ai comuni permette a Tremonti di parlare di Federalismo.
"L'Italia è l'unico paese che non ha una finanza locale, ancora impantanato nella logica per cui più si spende più voti si prendono. Con il federalismo e introducendo un controllo democratico delle risorse, speriamo di raddrizzare un albero storto".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • PICOS

    17 Ottobre 2010 - 18:06

    Ma il federalismo fara' fara' diventare piu' INTELLIGENTI E MENO CO....YOTES i sindaci e gli assessori ? MAGARI ANCHE UN PO PIU' ONESTI? MAGARI , CARISSIMO TRECONTI . Il federalismo in italia funzionera' cosi: siccome lo stato oramai ha raschiato il fondo del barile con tasse e contributi sociali da esproprio proletario e a meno che non voglia che la gente li aspetti fuori del parlamento con i forconi , non puo' fare leva su nuovi tributi , pertanto demanda il lavoro sporco alle amministrazioni locali , che non vedono l'ora di strizzarci ancora per benino . Beninteso..............sempre e solo per il nostro bene...........

    Report

    Rispondi

  • PICOS

    17 Ottobre 2010 - 05:05

    IL FEDERALISMO : Forse saro' rincoglionito ma a me sfugge qualcosa a proposito di federalismo: sembra che sia la panacea a tutti i mali dell' Itlalia , che una volta realizzato il federalismo tutto andra bene , che i nostri amministratori faranno miracoli , ecc....ecc.... ma , secondo me c'e' un ma grosso come una casa : ad esempio , io vivo in un paesino con una amministrazione rossa , ma che piu' rossa non si puo' , considero il sindaco eletto un emerito co......yote , il vicesindaco peggio , per non parlare della giunta ........................ spendono e spandono per feste e cazzate varie , in compenso aumentano per il terzo anno consecutivo la TARSU e il comune e' in deficit pauroso. ora la mia domanda e' questa : MA IL FEDERALISMO E' UNA MEDICINA MIRACOLOSA CHE FA DIVENTARE INTELLIGENTI ANCHE I CO....YOTE , OPPURE ................ PERCHE' SE LA RISPOSTA E' ..............NO , MI SA CHE STO FEDERALISMO E' L'ENNESIMA INCXXXXA ........CHE CI VOGLIONO PROPINARE ,

    Report

    Rispondi

blog