Cerca

Fisco, Tremonti: "Nostra priorità è la famiglia"

Al tavolo con le parti sociali Berlusconi e il ministro del'Economia rilanciano la riforma

Fisco, Tremonti: "Nostra priorità è la famiglia"
"Vogliamo un sistema più trasparente e serio e confermiamo la nostra priorità sulla famiglia". Lo ha sottolineato il ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, nel corso del tavolo con parti sociali sulla riforma fiscale. "Non possiamo immaginare una riforma coperta dal recupero dell’evasione fiscale. Possiamo utilizzare il frutto della lotta all’evasione ma non possiamo mettere il carro davanti ai buoi. Questo screditerebbe il nostro Paese".

D'altra parte, ragiona Berlusconi, "ci sono 240 forme di cosiddetta erosione della base imponibile, la regola diventa l’eccezione. Sono 140 miliardi di gettito che non entra nelle casse dell’erario". E "quella del fisco è una grande riforma. Per circa 40 anni il sistema fiscale è rimasto invariato anche se oggetto di molti ragionamenti e rattoppi". Le regole attuali, continua il premier, sono "un nodo di Gordio intollerabile". Perciò, il governo avrà "un nuovo ed unico codice fiscale, sintesi dei principi generali della nostra fiscalità. Questa - conclude il premier - è una necessità avvertita da tutti gli operatori".

La riforma si articolerà in tre fasi: raccolta ce l’analisi dei dati, presentazione di una legge delega in Parlamento e varo dei decreti allegati "in maniera organica e progressiva".   "C'è molto lavoro da fare - ha spiegato Berlusconi alle parti - ma siamo ccerti che sarà possibile realizzare questa riforma che è necessaria perchè il nostro attuale sitema fiscale riflette il tipo di società e di economia di allora, mentre oggi il mondo è radicalmente cambiato".  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Caninforato

    26 Ottobre 2010 - 18:06

    In altra parte del giornale la notizia che la Presidente di Confindustria ha chiesto al Governo di occuparsi dei problemi economici (che affliggono le imprese ma di converso anche tutti i cittadini) è subissata di insulti alla medesima Signora (ed a Epifani che diceva le stesse cose): questo è il risultato di anni di bombardamento mediatico che ha creato persino un nuovo lessico sessista ed irridente (termini abusati: toghe rosse, sinistrati, il mortadella ecc.). Una notizia come l'annunzio di una riforma fiscale invece passa inosservata!

    Report

    Rispondi

  • Caninforato

    26 Ottobre 2010 - 14:02

    Desidero far notare come NESSUN LETTORE ha sentito il bisogno di commentare questa non-notizia ...

    Report

    Rispondi

blog