Cerca

Obama copia Roosevelt

grandi opere contro la crisi

Obama copia Roosevelt
Quando si perdono 533mila posti di lavoro in un mese non c’è più tempo da perdere. Negli Stati Uniti il tasso di disoccupazione è arrivato al 6,7%, mentre per fine 2009 la percentuale potrebbe salire a quota 8 per cento. Il dato diffuso venerdì dal governo Usa sugli occupati è il peggiore da 34 anni, dai tempi della grande recessione di fine anni ’70. Un crisi storica che per riprendersi ha bisogno di risposte  storiche. E il neo presidente Barack Obama scomoderà il mitico “new deal” di Roosevelt - anni ’30 - per tentare il rilancio dell’affaticatissima economia a stelle e striscie. Dal 20 gennaio, giorno dell’insediamento del leader Democratico alla Casa Bianca, scatterà un super piano infrastrutturale con l’obiettivo di creare 2,5 milioni di posti di lavoro entro il 2011. Più precisamente «sarà il più grande investimento nelle nostre  infrastrutture nazionali dalla creazione del sistema federale delle  autostrade negli anni Cinquanta».
Miliardi e miliardi di dollari saranno quindi scaraventati nell’economia reale, anche se  - ha precisato Obama nel tradizionale discorso radiofonico del sabato del partito democratico - «non useremo i vecchi metodi di Washington. Non ci accontenteremo di affogare il problema sotto i soldi». Chiara la frecciata al presidente uscente George Bush, aspramente criticato per il famoso “bail out”, il salvataggio da 350 miliardi a spese pubbliche delle grandi banche protagoniste del crack finanziario mondiale.

Giuliano Zulin su Libero di domenica

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • aingazalalibero.it

    10 Dicembre 2008 - 11:11

    qualcuno ha dimenticato di dire che f.delano roosvelt copio pari pari l'altro cavaliere " il Grande", Mussolini. Le ricette del new deal furono copiate pari pari da quelle che permisero all'Italia di sopportare meglio di altri paesi i traumi della crisi del 1929. Dumini

    Report

    Rispondi

  • roaldr

    08 Dicembre 2008 - 16:04

    Obama, nuova icona della gauche caviar, propone una ricetta che odora di Berlusconismo: si esce dalla recessione solo facendo girare i soldi, le imprese si tengono in piedi facendole lavorare, e non a suon di sussidi:AIUTATI CHE IL CIEL TI AIUTA (meno stato, più impresa).

    Report

    Rispondi

blog