Cerca

In arrivo aiuti miliardari per Irlanda e Portogallo

La Bce è pronta a "versarne" tra 50 e 90

In arrivo aiuti miliardari per Irlanda e Portogallo

Cresce la tensione nell'Unione Europea, dove dopo la crisi greca dello scorso maggio la situazione di Irlanda e Portogallo è da allarme rosso. La debolezza del vecchio continente si è tradotta in un altra giornata di ribassi per la moneta unica, tornata a 1,36 rispetto al dollaro (drogato al ribasso dalle manovre di alleggerimento della Fed, la banca centrale Usa).

Le pressioni di Dublino sulla Ue per un intervento di salvataggio che allontani il rischio-crac crescono di giorno in giorno. Lunedì mattina il vice presidente della Bce, Victor Constancio, ha ammesso che "ci sono dei contatti in corso", ma ha smentito che il governo irlandese abbia già direttamente chiesto gli aiuti. Secondo l'agenzia Reuters, la cifra al centro della discussione (e che andrebbe attinta dal Fondo-anti) crisi oscilla tra i 50 e i 90 miliardi di euro.

Sotto il fuoco degli speculatori, il rischio default cresce anche per Lisbona. Ad ammetterlo è stato il ministro delle Finanze portoghese, Fernando Teixeira dos Santos, che ha sottolineato come l'unione nell'Eurozona aumenti il rischio contagio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • petergreci

    16 Novembre 2010 - 11:11

    Lo Stato Italiano è quello che ha il minore tasso di crescita tra 180 paesi al mondo (in effetti stiamo al 179mo posto meglio di Haiti sic.), in dieci anni in cui guida economica è stata appannaggio di Tremonti, non siamo cresciuti di un millimetro. Questo determina che le entrate fiscali non sono adeguate per: ripianare il debito pubblico e per mantenere gli standard qualitativi di uno stato moderno. Nel frattempo, all'aumento del costo della vita la popolazione italiana risponde raschiando sul fondo del proprio barile essendo il popolo italico risparmiatore provetto ma se non si produrrà ricchezza gli italiani non avranno da risparmiare niente ed allora faremo dritti dritti la fine della Grecia. Grazie Tremonti per tutto ciò, la tua finanza creativa (sanatorie, scudi fiscali è fumo negli occhi per non perdere consensi elettorali e sbandierare che non avete aumentato le tasse) ci sta portando in fondo al baratro.

    Report

    Rispondi

  • COCCINELLA

    16 Novembre 2010 - 11:11

    LO SI SAPEVA DA TEMPO....E NON è ANCORA FINITA

    Report

    Rispondi

  • peroperi

    16 Novembre 2010 - 06:06

    'sto euro ci sta rovinando tutti piano piano. Ha arricchito solo i gia' ricchi ed aumentato i poveri. Dopo l'irlanda, la spagna ed il Portogallo tocchera' a noi. L'euro sara' svalutato per esportare di piu' ed incassare un po' di moneta pregiata. Consiglio di trasformare subito i mutui a tasso variabile in mutui a tasso fisso. entro pochi anni andremo a pagare interessi paurosi.

    Report

    Rispondi

blog