Cerca

Marchionne: "La crisi c'è o non c'è?"

Per il manager, Alfa Romeo "non è in vendita". Possibile monetizzare su Parte di Ferrari

Marchionne: "La crisi c'è o non c'è?"
L'ad Fiat, Sergio Marchionne, torna alla carica e a punzecchiare l'Italia. Per il manager italocanadese "il Paese ha bisogno di chiarezza e di certezze, e serve stabilità politica".

Insomma, per Marchionne, la crisi, "o ce l'abbiamo o non ce l'abbiamo: c'è o non c'è? Non capirlo è ciò che innervosice il mondo intero". Infatti per il numero uno di Fiat il problema non è solo italiano "ma europeo. E' una situazione non facile, che va impattare anche sull'atteggiamento dei consumatori e dei clienti". ha spiegato. "Si è visto benissimo l'impatto sul livello occupazionale in Italia. A Mirafiori e in altri impianti ho sempre detto che avremmo adeguato la produzione alla domanda. C'è un problema di sovracapacità. Nessun produttore europeo sta guadagnando soldi".

Dismessi gli abiti politici, l'ad è tornato su Alfa Romeo, dichiarando che "non è in vendita". Infine, il manager ha definito la fusione Fiat-Chrysler "una possibilità, come una possibilità è quella di monetizzare parte di Ferrari e Magneti Marelli", voce che martedì ha fatto volare il titolo in Borsa.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bisnonna!

    18 Novembre 2010 - 11:11

    E' la crisi valutaria di cui pochi parlano e che porterà a grandi speculazioni con conseguenze di immense fortune da parte degli speculatori, che non sono nè lei nè io, o la maggior parte degli italiani, in questo caso. Legga il suggerimento dato al Signor Fazer. Cordialità

    Report

    Rispondi

  • Gabor Bonifazi

    17 Novembre 2010 - 20:08

    Mentana al telegiornale de LA7 ha fatto capire che sta sul punto di scendere in campo Luca Cordero di Montezemolo!

    Report

    Rispondi

  • marietta20

    17 Novembre 2010 - 20:08

    Vorrei capire di che crisi si parla: esiste una fascia di persone che hanno qualche difficoltà e questa fascia è sempre esistita, c'è un'altra fascia che continua a mantenere un tenore di vita non diverso da qualche anno fa. Si decide di andare in pizzeria o al ristorante e, se non si è prenotato, non si trova posto; si è speso l'8% in più rispetto allo scorso anno per i divertimenti - sport, spettacoli- etc, i negozi di telefonini sono sempre pieni. Se si decide di fare un viaggio o un fine settimana e ci si reca negli aeroporti si fa, quasi, fatica a trovare parcheggio. Di cosa si parla?

    Report

    Rispondi

  • bisnonna!

    17 Novembre 2010 - 19:07

    Digiti semplicemente : verso la fine della moneta unica, George Soros......... Approfondisca anche : creare una crisi per fare crollare l'euro. Questo personaggio, George Soros, non é nuovo a questi giochetti; l'ha già fatto nel 1992 ( sterlina- lira ), Amato, Ciampi...arrecando danni alla nostra economia. George Soros, merita di essere approfondito. Vari sono i siti che parlano di lui e dei suoi legami con.... non le tolgo la sorpresa .Forse, dopo la lettura, le cose le parranno più chiare, almeno per me é stato così

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog