Cerca

Mercato auto ancora giù (-21,3%)

Pesante contrazione delle immatricolazioni a novembre. Fiat fa anche peggio (-26%)

Mercato auto ancora giù (-21,3%)
Il 2009 drogato dagli incentivi continua a pesare come un macigno sul mercato automobilistico. La motorizzazione, rende noto il ministero delle Infrastrutture, ha immatricolato 145.198 vetture con una flessione del 21,13% rispetto allo stesso mese dello scorso anno quando furono vendute 184.099 automobili. Si tratta dell'ottavo calo consecutivo. Nello stesso periodo si sono registrati 418.239 trasferimenti di proprietà di auto usate con un aumento del 6,03% rispetto a novembre 2009, durante il quale furono registrati 394.441 trasferimenti di proprietà. Il volume globale delle vendite (563.437 auto) ha dunque interessato per il 25,77% vetture nuove e per il 74,23% usate.

Tracollo del Lingotto
- Ma ancora peggio ha fatto Fiat. A novembre la contrazione delle immatricolazioni del Lingotto (Fiat Group Automobiles) è stato pari al 26 per cento. A novembre ha immatricolato oltre 41mila vetture, e ha ottenuto una quota del 28,5%, mentre nel 2009 era stata dal 30,4%.

Fiat interpreta i dati - Tuttavia, dicono a Mirafiori, va messo in evidenza che a ottobre 2010 la quota ottenuta da Fga era stata del 27,5%, decisamente inferiore, quindi, a quella ottenuta in novembre. Infatti le vendite di ottobre avevano registrato un calo del 39,9 per cento. Ad influenzare positivamente il risultato di novembre sono state le numerose iniziative intraprese da Fiat Group Automobiles in previsione di un ulteriore calo del mercato globale. Tra queste ha registrato una risposta molto positiva la campagna di lancio della Fiat Punto MyLife. Nel progressivo annuo Fiat Group Automobiles ha immatricolato più di 550 mila auto, in calo del 16% rispetto allo stesso periodo del 2009, con una quota del 30,1%.  

In novembre, spiegano al Lingotto, il marchio Fiat ha venduto circa 31.200 vetture, il 27,9% in meno rispetto allo stesso mese del 2009. La quota è del 21,5%, con una diminuzione nel confronto con lo stesso mese dell’anno scorso di 2 punti percentuali. Anche in questo caso va sottolineato che la quota del marchio Fiat nello scorso mese di ottobre era stata del 20,4%, a fronte di una calo delle vendite del 42,2%. Nei primi undici mesi dell’anno il brand ha immatricolato quasi 421 mila auto, il 17,2% in meno rispetto allo stesso periodo 2009, e ha ottenuto una quota del 23%, rispetto al 25,5 di un anno fa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • p.giorgio

    01 Dicembre 2010 - 23:11

    se voi guadagnare qualcosa, vendi la FIAT alla CGIL e vattene in America: magari non ti pagheranno, ma sai che bellezza non avere piu' questo sindacato che ti rompe i coglioni, naturalmente per difendere il popolo dei lavoratori! Buon viaggio.

    Report

    Rispondi

  • simo70

    01 Dicembre 2010 - 23:11

    Sono contenta di questi dati. Alla fine ci sarà un'implosione dell'economia. I pochi che hanno il grosso della ricchezza capiranno che così non funziona, bisogna dare qualcosa anche agli altri (i loro dipendenti x esempio), x far sì che possano acquistare le loro auto. Siamo strozzati dalle tasse, non compriamo + niente, solo così forse qualcuno capirà che siamo alla frutta. Vaffanculo.

    Report

    Rispondi

blog