Cerca

Disoccupazione record negli Usa. Corre invece la Germania grazie all'export

Stati Uniti,i senza lavoro al 9,8%, record da aprile. Berlino, Pil +3,6%, mai così da riunificazione. Preoccupa Lisbona

Disoccupazione record negli Usa. Corre invece la Germania grazie all'export
Brutte notizie dagli Stati Uniti, schiacciati da una crisi da cui non riescono a uscire. La disoccupazione nel mese di dicembre è arrivata al 9,8%, un record dallo scorso aprile.

La Casa Bianca considera il tasso di disoccupazione Usa, che a novembre ha toccato il 9,8%, "inaccetabilmente alto". Tale dato dimostra come sia importante procedere a un taglio delle tasse alla classe media e all’estensione dell’assicurazione sulla disoccupazione, così Washington in un comunicato.

GERMANIA - Nel Vecchio Continente, invece, la locomotiva tedesca continua a correre. Il Pil teutonico ha registrato un tasso di crescita nel 2010 del 3,6%, la migliore accelerazione dai tempi della riunificazione. Queste le stime della Bundesbank, l'istituto centrale tedesco, che venerdì ha rivisto in meglio le previsioni economiche. La banca ha poi previsto un rallentamento nei due anni successivi, con una crescita del 2% nel 2011 e dell'1,5% nel 2012. Il fattore chiave per la crescita del Pil rimane l'export, che rafforza la domanda interna.

PORTOGALLO -
L'altro lato della medaglia europea rimane però il Portogallo, che secondo le ultime stime finirà in recessione nel 2011 a causa degli effetti del piano di austerity varato da Lisbona. La previsione è firmata dall'agenzia di rating Standard & Poor's, che ha poi messo nel mirino alcuni dei principali istituto di credito europei (Banco Espirito Santo, Banco Bpi e Banco Commercial Portugues), tutti "messi sotto osservazione con implicazioni negative".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • italodemocratico

    06 Dicembre 2010 - 11:11

    Ecco al posto di andare a fare bunga, bunga , in Russia da Putin, o a Tripoli da Gheddafi, il vostro ré, potrebbe andare a scuola da Frau Merkel a Berlino, e Tremonti potrebbe andare da Schäuble, in fatto di Finanze.

    Report

    Rispondi

  • roaldr

    05 Dicembre 2010 - 15:03

    mentre, in Germania, la ripresa galoppa, e addirittura si accorciano le ferie natalizie per far fronte agli ordinativi, L'Italietta è al lumicino, con un'economia ingessata fra giochi di palazzo e patetici tentativi di sovvertire gli esiti elettorali, a qualunque costo, anche al prezzo della ROVINA del Paese intero. CHE SCHIFO E CHE PENA!!!

    Report

    Rispondi

  • peroperi

    03 Dicembre 2010 - 22:10

    la germania ha tutto l'interesse di lasciare l'area euro e di ritornare al marco. Non è possibile che l'unica nazione che porti a casa degli utili sia colei che in definitiva si fara' carico dei deficit delle altre nazioni.

    Report

    Rispondi

blog