Cerca

Roma: lavoratori e studenti contro Bonanni

Tensione all'auditorium Cisl: i manifestanti hanno invocato lo sciopero generale a favore del contratto

9
Roma: lavoratori e studenti contro Bonanni
Un gruppo di studenti e precari romani ha criticato il leader della Cisl Raffaele Bonanni durante la presentazione del suo libro. Nell'auditorium della Cisl di via Rieti, mentre erano presenti anche i segretari generali della Cgil e della Uil Susanna Camusso e Luigi Angeletti, un gruppo del coordinamento "lavoratori autoconvocati" ha fatto irruzione nella sala in cui Bonanni stava presentado il libro "Il tempo della semina". I lavoratori hanno urlato "Il contratto non si tocca, lo difenderemo con la lotta" e ha chiesto a gran voce lo sciopero generale. Infine hanno esposto uno striscione con la scritta "contro il patto sociale, sciopero generale". Il gruppo è stato quindi allontanato dall'auditorium.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dubhe2003

    15 Dicembre 2010 - 00:12

    ...d'essere nel giusto,bisogna strombazzare continuamente di ritenersi progressisti,democratici,egualitari,pieni di altruismo,caritatevoli,bonisti e mille altre locuzioni del genere,con un unico obiettivo reale,tenuto ben nascosto;mantenere saldamente lo status quo,dire di cambiare tutto per non mutare alcunchè,insomma conservare tutto,senza alcuna variazione.In altri termini,ironia della sorte,essere a fatti,i più retrivi conservatori.Il sindacato di solito persegue le medesime linee della Sx;non è mai colpevole di nulla,essendo più che presente nelle strutture aziendali di un certo valore.Se capita che un sindacalista cerca di riportarsi ai tempi,diventa un nemico immediato.Prima di Bonanni,è capitato anche al suo predecessore che dopo assalti ,devastazioni alle sedi Cisl,si è ritirato ed ha tentato di farsi un partito.Già,tutti così i bravi sindacalisti;occupano alla fine competenze politiche oltre la barricata che per anni hanno difeso,strano no!?

    Report

    Rispondi

  • markuz1964

    14 Dicembre 2010 - 09:09

    .. si realizzava identicamente e meglio con 1000. Durissimo poi indicare cosa faranno quei 900 che saranno a spasso. Tutto a posto se non fosse che quei 900 consumeranno di meno. E dunque come si fa a far quadrare il cerchio? Cosa ce ne faremo di questa straordinaria eccedenza di Merce Uomo che serve ad uno scopo ma non serve ad altro? I fini commentatori di questo forum possono suggerire una soluzione al riguardo? Aumentando la produttività forse? Pensateci bene. Non è facile in questo tempo ricollocarsi come sindacalisti. Maestri furono del Turco, Lama, Benvenuto, ma il Campione su tutti è stato Cofferati. Ricordate? Era duro per lui fare il papà a Bologna.. meglio a Bruxelles. Sarà poi ancor più straordinariamente duro indicare quali prospettive avranno quegli studenti che stanno manifestando contro il Nulla e raccontare alla stragrande maggioranza di loro che, la laurea, non solo non avrà Valore, ma nei successivi 10 anni non verrà nemmeno ricuperato il 40% dell'investimento speso

    Report

    Rispondi

  • Gaiaiulia

    14 Dicembre 2010 - 08:08

    Questi cialtroni nullafacenti, non sanno fare altro che protestare violentemente , non lavorano, non studiano e se studiano sono fuori corso di decenni, pensano a farsi canne e sfasciare vetrine, piena solidarieta' a Bonanni, una persona seria. I cialtroni si stanno agitando perche' hanno paura che questa Italia possa cambiare e diventare una nazione seria. Poveracci, in quel caso sarebbero finiti!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media