Cerca

Pomigliano d'Arco, l'accordo punto per punto

Ecco che cosa cambia dopo l'intesa tra Fiat e sindacati nello stabilimento campano

Pomigliano d'Arco, l'accordo punto per punto
Ecco, punto per punto, che cosa cambia dopo l'intesa tra Fiat e  sindacati per i lavoratori dello stabilimento campano di Pomigliano d'Arco.

INVESTIMENTI
- Sono previsti 720 milioni di euro di investimento per la produzione del modello Nuova Panda.

CONTRATTO - L'accordo prevde la fuoriuscita dal sistema confindustriale e l'abbandono del contratto nazionale.

OCCUPATI - Viene garantito l'impiego a circa 4.600 dipendenti diretti e altri 10.000 occupati nell'indotto. Le assunzioni cominceranno a gennaio. I primi saranno tecnici e impiegati. In primavera sarà il turno degli operai.

AUMENTI SALARIALI
- Viene prevista una maggiorazione del salario base di oltre 360 euro lordi all'anno, che su base mensil sono circa 30 euro lordi, pari a 20 netti in busta paga. Nel livello medio dei nuovi minimi tabellari ci sarà il maggior incremento, che mediamente peserà per circa 100 euro in più rispetto al contratto passato.

PROFILI PROFESSIONALI -  Con la fuoriuscita dal contratto nazionale, si passa da 7 a 5 gruppi professionali, con le relative fasce al loro interno. Prevista anche la revisione normativa delle figure professionali più alte. I lavoratori potranno percepire il Tfr e cominciare di nuovo a maturare cinque scatti di anzianità mantenendo il maturato.

SINDACATI - Esattamente come accade a Mirafiori, hanno diritto alla rappresentanza (delegati, assemblee, raccolta quote e varie) solamente i sindacati firmatari dell'accordo, cui spetta anche la nomina dei delegati (ogni delegazione ne indicherà lo stesso numero). Per Fiom, che non ha sottoscritto l'accordo, niente diritti.

LA NEWCO - I lavoratori verranno tutti riassunti da Fabbrica Italia Pomigliano. Con la firma del contratto di assunzione, il dipendente prende l'impegno a rispettare le specifiche regole del contratto di Pomigliano. Il mancato rispetto delle clausole fa scattare un'infrazione disciplinare e le relative sanzioni, che possono arrivare fino al licenziamento.

I TURNI - La nuova organizzazione del lavoro sarà basata su 18 turni settimanali. Gli impianti di produzione verranno utilizzati per 24 ore al giorno e per 6 giorni alla settimana, sabato compreso. Quindi, di norma, un operaio lavorerà 6 giorni la prima settimana, e 4 la seconda.

GLI STRAORDINARI - Le ore annue di straordinario imposto passano a 120 ora, 80 in più obbligatorie: prima erano 40. I sabati lavorativi passeranno da 5 a 15. Gli straordinari dovranno essere comunicati almeno con quattro giorni di anticipo.

LE PAUSE - Vengono ridotte da 40 a 30 minuti, mentre la pausa mensa viene spostata a fine turno.

IMPEGNI SINDACALI - Per la cosiddetta clausola di responsabilità, oltre alle sanzioni individuali per i lavoratori, si impone ai lavoratori il rispetto degli impegni assunti dai sindacati. Per quel che riguarda lo sciopero, non se ne potrà proclamare uno nel caso in cui l'azienda abbia comandato lo straordinario.

ASSENTEISMO E MALATTIA
- Nel caso si verifichino picchi di assenze per malattia collegati a scioperi, manifestazioni esterne o messe in libertà per cause di forza maggiore o mancanza di fornitura, l'azienda si riserva di non retribuire per i primi tre giorni.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Mak

    08 Gennaio 2011 - 16:04

    Cari operai, Forse andrebbe chiarito il termine operai, il mister della FIOM ancora parla di catena di montaggio, ma avete idea di cosa sono le fabbriche Fiat oggi, sono dei luoghi più simili a delle gioiellerie, io credo che Marchionne sia un grande furbone e che di certo non fa gli interessi dell'Italia ma di se stesso, sostengo da Anni che Marchionne e Obama siano le più grandi operazioni di marketing dell'ultimo decennio, bravi, un Po meno chi ci è cascato, però chiunque faccia l'imprenditore sa quanto sia difficile gestire una azienda senza poterlo fare, decine di intrusi, sindacalisti che non fanno nulla, che non hanno nulla da difendere, basta vedere incidente alla Telksyd, i responsabili della sicurezza erano i sindacalisti e non hanno neppure verificato gli estintori... Vergogna. Forse non è chiaro a nessuno ed é bene ribadirlo, magari il nostro ministro Romani lo urli, per sopravvivere l'Italia, deve lavorare di più, deve darsi da fare. 120 ore straordinarie all'anno...

    Report

    Rispondi

blog