Cerca

Il Tesoro americano

stacca l'assegno per le auto

Il Tesoro americano

Lunghe ed estenuanti settimane di battaglie. I moniti da Washington: “Non si può far fallire Detroit”. Ed oggi l’accordo che è stato raggiunto per salvare l’industria automobilistica americana, messa in ginocchio dalla crisi finanziaria. Il Tesoro degli USA erogherà infatti finanziamenti fino a 13,4 miliardi di dollari per dare una mano a Gm, Ford e Chrysler che proprio ieri aveva annunciato la chiusura dei 30 stabilimenti per un mese a partire da oggi. I soldi arriveranno tra dicembre e l’inizio di gennaio. La seconda tranche di 4 miliardi arriverà a febbraio. Prestiti che dovranno essere restituiti dai produttori se entro il 31 marzo non avranno dimostrato di essere capaci a risanare le proprie attività.
Do ut des Il Tesoro riceverà warrants legati ad azioni senza diritto di voto, mentre Gm e Chrysler hanno annunciato che chiederanno accesso già oggi ai fondi messi a disposizione dal Tesoro. Le due società sono infatti alle prese con gravi problemi di liquidità mentre Ford ha dichiarato a più riprese di essere in una situazione migliore. Un aiuto che, qualora non andasse e buon fine, spalancherebbe le porta all’amministrazione controllata. Il governo inoltre ha il potere di controfirmare, e in caso bloccare, ogni operazione del controvalore superiore ai 100 milioni di dollari. Come nel caso delle banche, inoltre, i produttori di Detroit dovranno rispettare precise restrizioni sulle retribuzioni dei loro massimi dirigenti e dovranno dire addio a jet privati aziendali.
L'amministrazione Bush avrebbe illustrato a Obama la propria strategia, e la futura amministrazione democratica non avrebbe sollevato obiezioni al riguardo. “Il governo deve salvaguardare lo stato di salute dell'economia. Il collasso del settore automobilistico renderebbe soltanto più lunga e più profonda l'attuale recessione. Sarebbe da irresponsabili far fallire Detroit”, ha dichiarato il presidente degli Stati Uniti George W. Bush.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog