Cerca

2010, la "macchina Stato" è costata 20 miliardi in meno

Fabbisogno, dati positivi: soltanto a dicembre l'avanzo è stato di 9 miliardi

2010, la "macchina Stato" è costata 20 miliardi in meno
Chiusura positiva per i conti di cassa dello Stato italiano, che nel 2010 "salvano" quasi 20 miliardi rispetto alle cifre registrate nel 2009. Il fabbisogno annuo del settore statale si è infatti attestato a circa 67.500 milioni di euro, cifra inferiore di circa 19.300 milioni rispetto a quella registrata nel 2009, pari a 86.847 milioni.

Nel mese di dicembre 2010, questo il dato fornito dal Tesoro, si è registrato un avanzo del settore statale di 9.100 milioni, superiore di circa 7.300 milioni rispetto a quello realizzato nel dicembre 2009, pari a 1.825 milioni. Il fabbisogno complessivo realizzato nell'anno 2010 risulta inferiore di circa 16.300 milioni rispetto all'ultima stima ufficiale della Decisione di Finanza Pubblica per il 2010.

INCASSI, ANDAMENTO FAVOREVOLE - I dati sono dovuti ad un andamento più favorevole degli incassi e ad una dinamica più contenuta dei pagamenti, alcuni dei quali presumibilmente slittati al 2011, quali un’ulteriore quota dei prestiti da erogare alla Grecia. L'avanzo del mese di dicembre, dal lato degli incassi, registra un buon andamento delle entrate tributarie che, oltre a beneficiare di una parte del previsto recupero del minore gettito del mese di dicembre 2009 collegato alla riduzione della percentuale del secondo acconto Irpef, ha in larga parte compensato il venir meno dell’introito derivante dall’imposta straordinaria sulle attività finanziarie e patrimoniali detenute all’estero.  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dubhe2003

    05 Gennaio 2011 - 19:07

    Su Napoli...stendiamo un velo pietoso.Avevo scritto un post che non è stato passato e mi è capitato per la prima volta.Forse hanno ritenuto il mio scritto troppo...piccante sulla vicenda,ma erano dati oggettivi,colti con cognizione di causa...suvvia,pazienza.Non intendo essere petulante,ma se tu decidessi col famoso collegamento,c'è anche la possibilità di aprire una finestrella per chattare in privato.Prox.incontro il 7 c.m.,ore 21:30 tempo permettendo.Un saluto,G.P.

    Report

    Rispondi

  • blues188

    05 Gennaio 2011 - 17:05

    Quella parola "pagare" fa stranamente rima con lavorare. Ergo i siciliani (e tutto il Sud) non pagheranno di certo quanto devono alla Lombardia. Guarda Napoli che quando ha spedito in Lombardia i suoi rifiuti (nella prima volta) ha lasciato materiale incendiario e blocchi di cemento dentro il materiale. Oltretutto non ha mai pagato le ditte che hanno trasportato le loro schifezze ai nostri inceneritori.

    Report

    Rispondi

  • blues188

    05 Gennaio 2011 - 17:05

    Come succede da troppo tempo

    Report

    Rispondi

  • dubhe2003

    04 Gennaio 2011 - 23:11

    ...anzi mal sana amministrazione...pazzesco...decine e decine di migliaia di assunzioni in Sicilia...e pure per la Sanità...che ne ha già a bizzeffe rispetto alla Lombardia,per citarne una sola.Chi pagherà i costi ed il debito pubblico così pentumplicato?Cosa dovrebbero fare allora in Lombardia,Veneto,Emilia e qualche altra regione,assumere tutti,oppure loro no,perchè più imbecilli?Risulta poi ed è di dominio pubblico che proprio là,hanno vinto il campionato della malasanità,ciò a dimostrare che troppa gente non migliora il servizio,anzi lo peggiora,tanto è vero che vengono in Veneto per curarsi e non ci hanno mai detto,se la Regione Sicilia paga poi le spese.Vedete,ecco il motivo per il quale non vogliono il Federalismo...In Veneto,non hanno mai voluto neppure che diventasse una Regione a Statuto Speciale,più volte richiesto.Si può allora andare avanti così,premiando lo spreco a scapito d'altri parsimoniosi?Prima o poi ci sarà,ci dovrà essere una rottura e non solo di pelotas.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog