Cerca

Bollette più leggere da gennaio

Luce -5,1%, gas -1%

Bollette più leggere da gennaio
Le bollette della luce e del gas saranno più leggere a partire dal primo gennaio. Con il nuovo anno, infatti, diminuiranno rispettivamente del 5,1% e dell'1%, con un risparmio complessivo di 36 euro su base annua. Ad annunciarlo è l'Autorità per l'energia elettrica e il gas. Questo significa che la spesa su base annua della famiglia tipo, nel primo trimestre del 2009, diminuirà di circa 25 euro per l'energia elettrica e di 11 euro per il gas naturale. In forte calo anche il Gpl: -14,2%, con una spesa inferiore di 115 euro su base annua a famiglia. "Dopo le sofferenze per gli aumenti del 2008", commenta il presidente dell'Autorità, Alessandro Ortis, "inizia il percorso che porterà un 2009 con bollette più leggere. Dopo queste prime riduzioni per il primo trimestre del prossimo anno, possono infatti prevedersi ulteriori diminuzioni, particolarmente importanti per il gas, anche con il prossimo aggiornamento trimestrale di fine marzo. Va pure ricordato che le famiglie meno abbienti -rileva Ortis-, beneficeranno, sempre nel 2009, anche dei bonus per l'energia elettrica e per il gas, con riduzioni aggiuntive del 15% circa".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pidmont

    20 Dicembre 2008 - 14:02

    nonostante il prezzo del barile sia sceso dai 150 dollari a poco piu' di 30,nonostante gli utili dichiarati da Enel ed Eni con conseguente introito delle gabelle seòòo stato ,e dopoche Tremonti aveva giustamente accusato Prodi di aver aumentato del 10% l'iva sul riscaldamento,una volta al governo nulla ha fatto,la Robintax e' dunque a nostre spese ed ora sbandierano le riduzioni che dopo tutto sono solo elemosine truffaldine. andate affan........

    Report

    Rispondi

  • matrigna

    20 Dicembre 2008 - 12:12

    Le diminuizioni annunciate fanno ridere i polli perchè a noi consumatori piuttosto viene da piangere,per le cifre veramente irrisorie del risparmio

    Report

    Rispondi

blog