Cerca

Obama: "Crisi brutale, tanta strada da fare"

Il Presidente Usa sullo stato dell'economia: "Favorire le aziende a patto che assumano e investano"

Obama: "Crisi brutale, tanta strada da fare"
La crisi è stata "brutale". L'economia è in ripresa, ma "c'è ancora molta strada da percorrere". Il presidente americano, poche ore dopo il monito lanciato dal presidente della Federal Reserve, Ben Bernanke, non si nasconde. La ripresa "non è forte come ci si attendeva", e per spingerla Obama ha ribadito l'impegno dell'amministrazione per favorire la crescita e ridurre la disoccupazione.

FAVORIRE LE AZIENDE - Il piano elaborato dal presidente Usa cercherà di favorire le aziende, ma sta a loro cogliere l'occasione per ricominciare ad assumere e investire, stimolando così la crescita e l'occupazione. Obama lo ha spiegato nel suo discorso sullo stato dell'economia americana. Barack, dopo aver annunciato la nomina di Gene Sperling (nella foto, con Obama) a capo del National Economic Council al posto di Larry Summers, ha promesso un abbassamento del 75% dei costi medi degli investimenti, definendolo una "grande opportunità per potersi espandere e assumere". Il leader democratico ha poi invitato le "compagnie e fare investimenti subito", cosa che "aiuterà a far riprendere l'economia".


DATI SULL'OCCUPAZIONE - Da Obama è poi giunto un commento sui dati, diffusi venerdì, sulla disoccupazione americana al 9,4%, il valore più basso dal maggio 2009: "La tendenza è chiara, abbiamo visto per 12 mesi di fila una crescita del settore privato per la prima volta dal 2006, l’economia ha creato 1,3 milioni di posti di lavoro l’anno scorso e ogni trimestre siamo stati più forti del precedente". Obama ha poi proseguito: "E' stata una recessione brutale, la peggiore alla quale assisteremo nella nostra vita una recessione che ha lasciato sulla sua strada tanta distruzione, con la perdita di 8 milioni di posti di lavoro".

"LA NOSTRA MISSIONE" - Il Presidente degli Stati Uniti ha poi concluso affermando: "La nostra missione è accelerare le assunzioni e la crescita e per fare ciò dobbiamo rendere la nostra economia più competitiva".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blues188

    10 Gennaio 2011 - 22:10

    E hanno capito in quale abbaglio sono caduti. Ha promesso mari e monti, ma poi ha continuato tutto come prima. No, peggio. I suoi mandanti sono contenti di lui, molto meno chi l'ha votato.

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    10 Gennaio 2011 - 01:01

    In questo Pianeta vi sono zone ricchissime di minerali preziosi e gas metano o petrolio ma gli indigeni sono maledettamente poveri e ignoranti dell'esistenza di ogni tecnologia e per giunta gestiti da governi stanti ancora allo stato larvale. In questi territori, potrebbero farsi investimenti a lungo tempo e gli introiti altamente importanti compreso anche le migliaia di industrie con annesso personale preparato per le opere da farsi. Le operazioni economico industriali, però, dovrebbero essere studiate e messe in opera di concerto con altri imprenditori dell'economia di Paesi in grado di far fronte alle richieste opoerative. In questo modo si conquistano simpatie dei popoli e altrettanti guadagni; non con i fucili o i cannoni.

    Report

    Rispondi

  • blues188

    08 Gennaio 2011 - 20:08

    Abbiamo gente come petergreci che lavora duro. Per l'unità d'Italia. Persona di grandi doti. Un po' confuso, ma...

    Report

    Rispondi

  • blues188

    08 Gennaio 2011 - 20:08

    e intanto ha un anello massonico. Significa che l'ordine di mantenere la crisi non è stato tolto

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog