Cerca

Bot a 12 mesi, boom di richieste

La domanda supera l'offerta di 4,3 miliardi. Cresce anche il rendimento e il differenziale con i titoli tedeschi

Bot a 12 mesi, boom di richieste
Il Tesoro ha collocato tutti i sette miliardi di Bot a 12 mesi messi in vendita martedì 11 gennaio. La richiesta ha segnato un vero e proprio boom, con gli investitori che hanno fatto domanda per più di 11,3 miliardi di euro rispetto ai sette messi in vendita. Un segno di fiducia, anche se cresce il rendimento dei titoli di stato, passato al 2,067%, il massimo dal dicembre del 2008.

SPREAD - Si accentua anche lo spread (ovvero il differenziale) tra i titoli di Stato decennali italiani e quelli tedeschi, passato da 204 punti base. Si allarga la forbice anche per le cedole spagnole, che hanno raggiunto i 279 punti base. Molto alta la domanda anche per i Bot a sei mesi, il cui rendimento è salito al 2,06%, segnando un lieve rialzo rispetto all'asta precedente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ubik

    11 Gennaio 2011 - 15:03

    i sindacati impediscono ai dipendenti fiat di comperare le azioni fiat? AHAHAHAHAHAHAh QUESAT MI GIUNGE VERAMENTE NUOVA! :)))

    Report

    Rispondi

  • blu521

    11 Gennaio 2011 - 15:03

    devo dire che le spiegazioni però non hanno niente a che vedere con l'economia. Chissà il criterio che adotta per i suoi investimenti. Forse pensa che gli indicatori di Libero siano diversi da quelli di Repubblica

    Report

    Rispondi

  • Romano_1939

    11 Gennaio 2011 - 14:02

    gli italiani non comperano le azioni fiat perchè in fabbrica ci sono i sin dacati.- Però le predette le potranno acquistare i dipendenti fiat così non sciopereranno più e si toglieranno dalle scatole i sindacati stessi.- vedasi quello che sta accadendo con la fiat.- Se, io fossi in Marchionni, appena venuto a conoscenza che gli operai avessere dovuto fare un referendum, avrei immediatamente portato la produzione della fiat all,estero.- una domanda: se dall responso del referendum degli operai fiat prevalesse il no, e, come detto dal Marchionni la produzione verrà spostata all,estero, gli operai rimarranno in questo modo senza lavoro e senza stipendio per colpa del sindacato CGL che in questo caso, assumendosi la responsabilità di convincere gli oprai a votare no,dovrebbe esso stesso sindacato CGL versare lo stipendio agli operai rimasti senza lavoro.- naturalmente, questo è il mio parere.-Qualcuno mi risponda.-

    Report

    Rispondi

  • ubik

    11 Gennaio 2011 - 13:01

    perchè gli italiani non comperano le azioni fiat.... :)

    Report

    Rispondi

blog