Cerca

Turisti, in arrivo la tassa di soggiorno

Il "modello Roma" fa scuola: i Comuni potranno introdurre un tributo ai visitatori

Turisti, in arrivo la tassa di soggiorno
Il "modello Roma" fa scuola. I comuni avranno la possibilità di introdurre un tributo di soggiorno, e di avere una compartecipazione all'Irpef. Queste le due sostanziali novità che potrebbero essere contenute nel decreto sul federalismo fiscale municipale. Lo si è appreso dal presidente dell'Anci, Sergio Chiamparino, che al termine di un incontro con il ministro alla Semplificazione, Roberto Calderoli, ha dichiarato: "Non c'è però ancora nulla di definitivo, poiché la decisione spetta alla collegialità del governo".

ALTRE IPOTESI -
L'imposta di registro non verrebbe più data ai Comuni ma allo Stato; in cambio, i Comuni otterrebbero una compartecipazione all'Imposta sulle persone fisiche che potrebbe prevedere anche un'addizionale: alla aliquota fissa - secondo quanto si è appreso - ci sarebbe la possibilità di aggiungere una parte secondo le decisioni prese dal Comune. Per quanto riguarda la cedolare secca sugli affitti, potrebbe essere prevista una compartecipazione da parte dei Comuni, che Chiamparino ha definito "dinamica e garantita".

"INCONTRO INTERLOCUTORIO" - Il rischio del mancato gettito, in sostanza, sarebbe a carico dello Stato. "L'incontro è stato interlocutorio - ha precisato Chiamparino - non c'è‚ ancora nulla di definito ma da parte del governo c'è stata ampia disponibilità. Le proposte elaborate vanno nella direzione di recepire le questioni che avevamo posto sulla sperequazione dell'Imu (imposta municipale unica) così come si presentava, introducendo un elemento compensativo legato all'irpef".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • franziscus

    18 Gennaio 2011 - 19:07

    l' aria è ancora gratis (per ora), respirate, respirate....

    Report

    Rispondi

  • wall

    13 Gennaio 2011 - 16:04

    ...compresi i clandestini e tutti i cittadini della UE; perchè ci siamo stufati di pagare " profumatamente " i rifiuti organici di chi viene a fare il turista. La città di Venezia che è diventata la latrina dell'europa e chi entra in queste citta ricche di storia e arte i servizi devono essere pagati.

    Report

    Rispondi

  • iltrota

    13 Gennaio 2011 - 10:10

    Quindi, se ho ben capito il turista si troverà a pagare una certa cifra (non si capisce quanto) per ogni giornata di soggiorno spesa in Italia, sia essa in albergo o in casa affittata e così via? Molto attraente per i turisti, italiani e sopratutto stranieri: spero di aver capito male! Chi è l' autore di una simile brillante idea?

    Report

    Rispondi

blog